Piacenza App è basata su iMApp, iBeacons e Gps

Mobile AppMobility
Piacenza App è basata su iMApp, iBeacons e Gps
0 2 Non ci sono commenti

La città di Piacenza diventa smart con un’applicazione sviluppata grazie alla piattaforma IMApp e basata sulle tecnologie iBeacons e GPS

La città di Piacenza diventa smart con un’applicazione sviluppata grazie alla piattaforma iMApp e basata sulle tecnologie iBeacons e GPS.

Piacenza App è basata su iMApp, iBeacons e Gps
Piacenza App è basata su iMApp, iBeacons e Gps

Piacenza App, pensata dall’Amministrazione comunale e sviluppata da UltravioletApp, consente a turisti e cittadini di visitare la città lasciando che sia lei stessa a raccontarsi, suggerendo itinerari tematici e offrendo informazioni utili.

Piacenza App è stata anche scelta tra le 10 migliori innovazioni della pubblica amministrazione (PA) nell’ambito del Smart City Exhibition – Citizen Data Festival, che si è svolto dal 14 al 16 ottobre scorsi a Bologna.

IMApp, la piattaforma tecnologica su cui si basa l’App Piacenza, è stata utilizzata dall’app ufficiale dei Musei Civici di Palazzo Farnese e poi è stata impiegata da tutto il capoluogo emiliano. La tecnologia accompagna il visitatore in ogni percorso all’aperto e al chiuso, inviandogli informazioni (descrizione di un monumento, storia di un palazzo, spiegazione di una chiesa) e personalizzate.

L’app Piacenza si affida alla microlocalizzazione, cosicché l’utente possa trovare in tempo reale tutte le informazioni sul Duomo romanico consacrato circa un millennio fa, oppure tanti dettagli e curiosità della Collezione di Armi all’interno di Palazzo Farnese. Le funzioni di ricerca e condivisione sui social network rendono immediata e intuitiva l’esperienza di visita, mentre i percorsi tematici forniscono al turista dettagli sulla storia e sulla cultura di Piacenza.

Quando il segnale GPS non è abbastanza forte, intervengono i beacons (300 dislocati in tutta la città): piccoli trasmettitori Bluetooth sono in grado di emettere segnali radio a basso consumo per un raggio da pochi centimetri fino a 40 metri. Ogni volta che un dispositivo entra nel raggio d’azione di un beacon, ne identifica il codice univoco e lo invia al cloud, che comunica al device l’azione abbinata al beacon.

Nell’applicazione sono presenti anche i centri di pubblica utilità: ospedali, biblioteche, farmacie, questure e uffici comunali. Per ognuno di essi l’app Piacenza indica l’orario di apertura, il contatto diretto e i servizi disponibili, con la possibilità di connettersi alla pagina specifica del sito web del Comune e procedere a eventuali prenotazioni.

Una sezione dell’app è dedicata a news, curiosità ed eventi in programma in città, per un coinvolgimento che dura anche dopo la visita turistica. Fra i servizi disponibili spiccano: Click2Call per servizi di emergenza; Notifiche push in tempo reale su canali dedicati.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore