Piange il telefono?

FormazioneManagement

Le lunghe attese al telefono non piacciono e chi incorre in questo problema è
pronto a contestare e addirittura cambiare fornitore.

Ognuno di noi ha avuto almeno una volta l’esperienza di lunghe attese al telefono o di dover raffrontarsi con un insopportabile risponditore automatico. Ebbene, sembra che noi italiani siamo, tra gli europei, i meno inclini a sopportare questo tipo di situazioni. E’ quanto emerge da una ricerca condotta da YouGov per conto di Easynet, fornitore internazionale di soluzioni gestite di rete e hosting. Lo studio ha coinvolto 1.666 grandi aziende di sette paesi europei: Regno Unito, Francia, Spagna, Germania, Italia, Olanda e Belgio. Il 46% degli italiani afferma che essere abbandonato a un risponditore automatico è uno dei fattori che maggiormente influisce sulla bontà di un servizio; essere ignorati o tenuti in attesa sono problemi considerati più lievi, rispettivamente per il 39% e il 46% degli intervistati. Il 51% afferma di essere pronto a contestare il fornitore nel caso di un disservizio di questo tipo, e il 30% sostiene di essere pronto a cambiare fornitore. Il 60% degli italiani intervistati è pronto a contattare il responsabile di un servizio non corrispondente alle proprie aspettative, il 4% può anche non lamentarsi affatto, mentre il 28% sfoga con i propri colleghi il malcontento causato da una esperienza negativa con il supporto clienti. Una quota rilevante nei sette paesi, pari al 38%, ha comunque affermato di essersi facilmente messo in contatto direttamente con il fornitore; tutti hanno riconosciuto che essere lasciati in balia di un risponditore automatico è più fastidioso di un ricarico dei costi. I risultati della ricerca, ha commentato Sergio Barbonetti, amministratore delegato e direttore generale di Easynet Italia, ??Confermano l’importanza di un buon servizio clienti, molto spesso dichiarato ma altrettante volte disatteso. Per noi, che ci crediamo davvero, è un elemento di distinzione rispetto alla competizione e sicuramente il metodo più efficace per fidelizzare il rapporto con i clienti?.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore