Pink Floyd uno, Emi zero

AccessoriMarketingWorkspace

I Pink Floyd, che difendevano il “concept album”, hanno vinto in tribunale contro Emi. IA rischio i brani singoli dei Pink Floyd da iTunes e altri store online. Cocktail resusciterà l’album in formato digitale?

L’Alta Corte di Giustizia Londinese ha dato ragione ai Pink Floyd e torto a Emi nella causa che vedeva la band di David Gilmour e compagni, contrapposta all’etichetta musicale. In base a un contratto datato 1999, pre-iTunes, non è possibile vendere tracce singole delle opere dei Pink Floyd. Adesso si profila il ritiro dei singoli brani (tratti dagli album della celebre band) da iTunes Store di Apple e dagli store online di musica digitale.

Il concetto di “concept album”, in cui i brani sono intimamente legati e vanno ascoltati in una successione temporale decisa dalla band, ha avuto la meglia sulla “moda mordi e fuggi” dei brani sui jukebox online.

La scelta è dunque artistica e gli utenti potranno acquistare iTunes Lp Format, un formato che non ha dato grandi soddisfazione economiche a Apple, e che, secondo ricorrenti indiscrezioni, dovrebbe prima o poi evolvere in Cocktail. Cos’è Cocktail?

Pink Floyd contro Emi
Pink Floyd battono Emi in tribunale
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore