Pinnacle Studio 20 Ultimate, non conosce tramonto il video editing per esperti

Workspace
0 0 Non ci sono commenti

Debutta Pinnacle Studio 20 Ultimate, il ‘sempreverde’ per l’editing video con il supporto per i video a 360 gradi, gli effetti NewBlue, nuove possibilità di gestire motion tracking e l’animazione stop-motion

“Over 50, esperto, affezionato utente Pinnacle, con esperienza di almeno 5 anni nel settore cercasi!”, è questo l’originale – e un po’ inconsueto – identikit dell’utente tipo del software di video editing, ora di Corel, Pinnacle Studio, che arriva alla release 20 per soddisfare un pubblico tradizionalista, che vuole stupire mettendo in mostra la propria perizia e l’esperienza. Sì, perché da una ricerca Corel emerge come gli utenti di Pinnacle, maturi, spesso giù utilizzatori del software da anni amano girare i propri video con reflex o videocamera, più che con GoPro e smartphone, e dedicano tempo anche poi alla masterizzazione su Dvd, dopo aver messo in gioco anche le competenze nell’ambito dell’authoring, per arrivare a un prodotto finale quindi confezionato con una certa cura.

Ecco, Pinnacle Studio 20 Ultimate è pensato soprattutto per loro cui offre nuove possibilità di controllo, l’editing video a 360 gradi, l’indicatore di movimento con sfocatura a mosaico, trasparenza della traccia e supporto H.265. L’applicazione si conferma strumento quasi professionale, a un costo accessibile a tutte le tasche, se si è appassionati, considerato il prezzo della licenza perpetua di appena 130 euro.

Vediamo nel dettaglio le novità. Con il supporto per l’editing vdeo a 360 gradi si possono ora montare scene a tutto campo e aggiungere la titolazione anche a queste riprese, inoltre è possibile definire un percorso per riconvertire un video a 360 gradi in formato standard; invece grazie al rilevamento del movimento, ora del tipo multi-punto è possibile agganciare didascalie o indicazioni a diversi punti di ripresa, in modo che al variare dell’inquadratura le indicazioni restino pertinenti ai punti assegnati. In pratica il software rileva i soggetti e gli oggetti in movimento e li tiene collegati ad altri elementi di testo e grafica. E’ possibile quindi anche assegnare la sfocatura a mosaico a un volto in modo che segua il soggetto quando si sposta, anche nei casi in cui il movimento è verso l’obiettivo.

Pinnacle Studio 20 Ultimate - Gestione dei titoli sui video a 360 gradi
Pinnacle Studio 20 Ultimate – Gestione dei titoli sui video a 360 gradi

Si può regolare la trasparenza della traccia agendo direttamente sulla timeline in modo da sovrapporre due tracce che diventeranno visibili contemporaneamente. E’ supportata l’animazione Stop-Motion (in verità offerta già sull’aggiornamento 19.5), così come proposta dalle reflex Canon e Nikon, in full-hd. Pinnacle Studio 20 migliora la possibilità di effetti picture in picture e consente di regolare la posizione e le dimensioni dell’effetto trascinando gli angoli della zona che interessa. Proprio per soddisfare chi degli effetti video ha fatto la propria poetica Pinnacle Studio ha aggiunto facilitazioni per aggiungere l’effetto panoramica e zoom a foto e video in pochi passaggi. Infine arriva il supporto HEVC (H.265) per importazione ed esportazione di file in questo formato che offre un livello di compressione più elevato, con un minore degrado qualitativo, riducendo le dimensioni del file.

Pinnacle Studio prevede anche un’app da utilizzare in mobilità, ora anche su iOS. In questo modo è possibile anche iniziare un lavoro di editing sullo smartphone e proseguire poi a casa con calma sul pc.

Pinnacle Studio 20 Ultimate arriva accompagnato dalla versione Studio 20 e Studio 20 Plus. Il software è già localizzato in italiano. La versione Ultimate costa 129,95 euro, mentre la versione Plus 99,95 e Studio 20 59,95 euro. E’ possibile scegliere una versione di upgrade a prezzi più vantaggiosi. Alla versione standard mancano le funzionalità Live Screen Capture, Audio Ducking (bilanciamento audio e musica), l’importazione e l’editing 3D, la funzionalità di gestione della trasparenza di traccia, del movimento, il supporto per il video 4K e gli effetti NewBlue. Non sono differenze secondarie, e si deve tenere conto che da solo il pacchetto effetti NewBlue vale già più di cento euro. Alla versione Plus, mancano invece solo le ultime tre caratteristiche (video 360, NewBlue e 4K).

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore