Pirateria. La RIAA attacca ancora i college

NetworkProvider e servizi Internet

L’Associazione RIAA ha intentato altre 750 cause contro studenti e altri soggetti che hanno scaricato brani musicali illegali tramite reti peer-to-peer

LOS ANGELES, CA (USA). Non si placa l’offensiva della Recording Industry Association of America) in relazione all’enorme quantita’ di materiale illegali liberamente scambiati on line. E’ stata recentemente diffusa la notizia secondo cui l a RIAA ha intentato altre 750 cause contro studenti e altri soggetti che hanno fruito illegalmente di questi servizi on line, ledendo gli interessi economici di molti artisti. Di queste azioni giudiziarie, 64 sono indirizzate contro universitari che utilizzano le reti di 17 College, fra cui Drexel, Columbia, Harvard, Massachusetts Institute of Technology, New York University e Princeton. Si tratta del terzo grande attacco che la RIAA rivolge nei confronti di utenti universitari che sfruttano le linee velocissime degli atenei soprattutto statunitensi. Studiocelentano.it

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore