Più intelligenti i server iSeries

Aziende

Caratteristica principale dei processori Power 5 è quella di far girare
più sistemi operativi all’interno di micro-partizioni virtuali

L’architettura Power 5 di Ibm verrà per prima implementata nei server iSeries, e precisamente nei modelli 520 e 570 ai quali per l’occasione verrà aggiunto il suffisso i5, a partire dal prossimo 11 giugno. Insieme al processore viene implementato anche il nuovo sistema operativo, creato proprio per sfruttare al meglio le capacità di virtualizzazione con il dynamic partitioning. “Il valore aggiunto dei nuovi server è quello di essere semplici da gestire e da utilizzare, oltre a ottimizzare i per l’utilizzo di multiple applicazioni di business. L’aspetto più importante è l’estensione delle capacità di virtualizzazione”, ha detto Ian Jarman, Ibm eServer i5 product manager. Caratteristica principale dei processori Power 5 è quella di far girare più sistemi operativi all’interno di micro-partizioni virtuali, unità alla funzionalità di switching power reduction, che, insieme, consentono un notevole risparmio energetico Il modello 520 è un server a 1 o 2 vie Power 5 che completa l’offerta per le aziende medio-piccole (verrà infatti proposto anche all’interno delle soluzioni Express); il modello è un sistema a 2 o 4 vie Power 5, per le aziende medio-grandi. Per la fascia high end è atteso un altro modello dopo l’estate.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore