Più traffico dati in casa Colt Telecom

AziendeMercati e Finanza

Entro due anni la società si è posta l’obiettivo di realizzare il 70% del fatturato attraverso il traffico dati, il resto attraverso la voce

Colt Telecom si è fissata un obiettivo: entro due anni il traffico dati peserà per il 70% sul fatturato e il resto sarà lasciato a quello voce. Achille De Tommaso, presidente di Colt Telecom – l’azienda specializzata nel fornire servizi dati, voce e managed services a Pmi, grandi aziende e carrier – ha fatto il punto della situazione dopo dieci anni di attività in Italia, sottolineando quanto siano diversi i margini che un’azienda europea di telecomunicazioni ha, quando si parla di traficco dati e voce.

Il traffico voce dà margini bassi, intorno al 2 o 3%spiega De Tommasomentre sono decisamente più alti quelli legati al traffico dati che superano il 70%. Ci sarebbe allora da chiedersi perché non fare solo traffico dati. La risposta è legata all’infrastruttura tecnologica che abbiamo costituito anche attraverso ingenti investimenti e da pochi anni a questa parte ci siamo resi conto che il nostro fatturato si è spalmato abbastanza equamente sia sul traffico voce sia su quello dati, a fronte di un passato che ci vedeva 80% voce e 20% dati. Questo – continua – è lo spirito del cambiamento dovuto, per certi aspetti, al raggiungimento di una migliore profittabilità. Il fatturato a livello di gruppo – spiega ancora il presidente – è calato del 4% rispetto all’anno precedente, sostanzialmente perché abbiamo ridotto il traffico voce ma abbiamo aumentato il traffico dati di quasi il 10%, con la conseguenza di aumentare i margini. L’Ebitda (utile prima delle imposte e tasse varie) è cresciuto di 6,5 milioni di euro (+2,4%) assesstandosi su 277,4 milioni di euro”.

De Tommaso va fiero del fatto che l’indebitamento è drasticamente calato a 30 milioni di euro. “L’obiettivo che ci siamo prefissati entro i prossimi due anni è di raggiungere il 70% del fatturato grazie al traffico dati e il resto voce”. E i numeri verdi? De Tommaso spiega che i numeri verdi sono ancora profittevoli (60/70%), nonostante siano servizi voce un po’ particolari dato che sono numeri aziendali”. Ma non è solo questo. Colt Telecom sta portando la trasmissione dati su rete Ethernet, importate, secondo De Tommaso, dal momento che negli ultimi anni sono stati emanati nuovi standard per questo tipo di trasmissione.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore