Pluribus incontra i partner di canale

Aziende

A Montecatini Terme l’azienda, specializzata nel fornire alle piccole e medie imprese soluzioni software verticalizzate integrate al gestionale e-Sigla++, ha presentato la propria offerta e le proprie strategie per i numerosi partner

350 operatori, 43 espositori collegati al mondo Pluribus, un convegno e 36 sessioni di lavoro parallele. Sono questi i numeri del VII Forum Pluribus Ibm, organizzato nel mese di marzo presso il Palazzo dei Congressi di Montecatini Terme (PT). Pluribus, che fornisce alle piccole e medie imprese soluzioni software verticalizzate integrate al gestionale e-Sigla++, propone diversi tipi di soluzioni quali Moda++ dedicato ai negozi di abbigliamento, Legge++ per gli studi legali, Fabrica++ per la gestione della produzione, Pitagora++ per il controllo di gestione, Rhd per l’help desk avanzato, infor:Sigla per la produzione meccanica di aziende di grandi dimensioni e molte altre che Pluribus identifica con l’espressione di “combinazioni vincenti”. La famiglia che riunisce tutte le soluzioni collegate ad e-Sigla++ prevede molti altri prodotti sia orizzontali come quelli per la bu-siness intelligence, per la gestione delle risorse umane, per la gestione della tesoreria, sia altri verticalizzati per settori specifici come quello di calzature, abbigliamento, editoria, officine meccaniche, agenzie di viaggio e tour operator, vendita al dettaglio e cooperative. Tutti i rivenditori collegati a Pluribus sono supportati dal punto di vista tecnico e formativo dalle ++ Service, strutture poste al Nord, al Centro e al Sud d’Italia, che danno supporto con formazione del personale, assistenza tecnica e certificazione di nuovi prodotti. Il ritorno a Montecatini, sede del primo Forum nel 1997, ha segnato un momento particolare e di bilanci positivi. Pluribus ha, infatti, integrato negli anni la sua offerta fino a farla diventare completa, in sinergia con l’evoluzione tecnologica di prodotti di Ibm, il partner principale. Il cambiamento delle strategie di Pluribus, il passaggio al modello di “azienda estesa” con e-Sigla++ e le combinazioni vincenti, ma anche tutti i servizi hardware, software di base e middleware, necessari per rendere il canale sempre più efficiente e competitivo, sono stati i temi del VII Forum Pluribus che si è snodato tra uno spazio espositivo permanente nel quale sono state presentate le combinazioni vincenti legate a e-Sigla++, un Forum nella mattina e una serie di work shop paralleli durante il pomeriggio. Patrizio Garbo, direttore generale Pluribus, ha sintetizzato così il messaggio del Forum: “Possiamo contare su un canale rivenditori che, grazie alla sua distribuzione capillare su tutto il territorio italiano, è in grado di portare alle imprese la nostra offerta sempre più completa con la massima professionalità. Questa è la nostra forza e lo strumento attraverso il quale garantiamo al cliente finale, nonostante il momento di crisi generale, una delle migliori offerte sul mercato”.

“Sette anni fa era stato organizzato il primo Forum Pluribus”, ha commentato Giovanni Moriani, presidente Pluribus, durante il convegno. “Delta Phi portava sul canale un prodotto e cercava di creare una propria famiglia. Ora lo slogan è creare e dare una forma al proprio destino. Il creare è un momento da condividere insieme. Si tratta di un nuovo momento, di un nuovo passaggio sul mercato”. Secondo Moriani il 2002 non è stato un anno di gloria per il segmento della piccola e media impresa, la crescita è stata solo del 3%, nel segmento retail. Quello delle pmi è un mercato non influenzato da mosse economiche e politiche, sta riassorbendo lo stress dell’anno 2000 e del passaggio all’euro. “Il piccolo business è molto importante per le piccole e medie imprese”, ha affermato Moriani. “La crescita è stata solo del 3%, ma è una crescita retail. Il mercato dovrà ritrovare la velocità negli anni. Nell’ambito pmi abbiamo raggiunto un traguardo significativo, abbiamo superato i 10mila clienti. A questo punto la sfida è quella di costruire un diverso posizionamento sul mercato, curando l’eccellenza del prodotto”. “Il rapporto con Ibm è importante – ha sottolineato Moriani – in quanto il prodotto è nel listino Ibm. Il prodotto in un mercato già occupato, si è costruito un posto di rilievo. Nell’ultimo periodo è stata molto significativa anche la ricerca, per costruire elementi di supporto al canale, in termini di servizi, tecnologia, middleware, attività pubblicitarie congiunte, campagne promozionali sui prodotti hardware e software, insieme o separatamente. Pluribus e Delta Phi non agiscono mai direttamente sul mercato né da un punto di vista di vendita né da un punto di vista dell’assistenza. Le aziende stanno continuando a crescere grazie alla capacità di interscambiarsi soluzioni e strategie di partnership, di usare sinergie gli uni degli altri. Garbo ha sottolineato che sono 230 circa i rivenditori certificati che chiedono un canone di assistenza annuale per i corsi di certificazione, di tipo commerciale e informatico. Sigla e altri prodotti Pluribus sono venduti con il logo Ibm. “Siamo unici nel panorama nazionale perché non abbiamo rapporti con il cliente finale”, ha commentato Garbo. “A supporto della strategia hanno importanza i produttori di software e tre strutture di servizi al canale. È disponibile supporto sistemistico, tecnico e applicativo. Nel canale c’è di tutto, alcuni rivenditori hanno Sigla come elemento di base, qualcuno spinge su altro. I services sono rivolti ai rivenditori, non conosciamo ufficialmente l’utente finale. Da un punto di vista economico c’è una presenza istituzionalizzata con operatori da un lato, dall’altro c’è una politica commerciale favorevole ad approcciare il nostro mondo senza grandi investimenti. Il marchio Ibm costituisce un marchio di valore, il trasferire questo messaggio all’utente finale è un messaggio fondamentale. Ibm è il nostro partner più importante: l’80% e oltre del business avviene con Ibm. Vogliamo andare con forza contrattuale verso grandi leader, con la forza del canale e possibilità in più”.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore