Portale unico per pagare IVA online, anche per gli e-book

Autorità e normativeTassazione
Portale unico per pagare IVA online, anche per gli e-book
0 0 Non ci sono commenti

La Commissione europea ha proposto di lasciare liberi i Paesi Ue di tagliare l’Iva per gli ebook e le pubblicazioni digitali. Intanto ariva il portale unico per pagare IVA online

L’Aie applaude alla proposta della Commissione europea. Arriva il portale unico per pagare l’IVA online, anche per gli e-book: “Una grande vittoria per l’Italia e per i lettori di tutta Europa”, ha commentato il presidente dell’Associazione italiana editori, Federico Motta. La Commissione europea ha proposto di lasciare liberi i Paesi Ue di tagliare l’Iva per gli ebook e le pubblicazioni digitali.

Portale unico per pagare IVA online, anche per gli e-book
Portale unico per pagare IVA online, anche per gli e-book

Il portale unico per i pagamenti IVA online non solo permetterà di tagliare le spese per gli adempimenti Iva, ma consentirà di versare l’IVA nello Stato membro del consumatore finale. Risulterà più equa la distribuzione del gettito fiscale fra i paesi dell’Unione europea (UE).

L’Italia, dal 1 gennaio 2015, ha scelto di applicare l’IVA al 4% – e non più al 22% – per i libri digitali come per i libri di carta, secondo la logica che “un libro è un libro”, sia che sia e-book o cartaceo. La campagna #unlibroèunlibro è stata replicata dalle associazioni degli editori francesi (Syndicat national de l’édition, con la campagna #thatisnotabook) e svedesi, supportata dalla Federazione degli editori europei (Fep).

È una decisione che aspettiamo da tempo – ha precisato Motta -. Siamo stati i primi a chiedere che l’Iva per libri cartacei e digitali fosse equiparata. Abbiamo lanciato #unlibroèunlibro, campagna di grande successo, che è stata condivisa dal Ministro Franceschini che l’ha portata avanti con coraggio e convinzione come posizione italiana quando in Europa era minoritaria. Adesso tutti i lettori europei potranno avere gli stessi diritti”.

La scelta della Commissione europea di presentare una proposta di direttiva volta a consentire ai singoli Stati membri di applicare le aliquote Iva ridotte previste per la stampa cartacea anche a quella digitale va nella direzione di sostenere e incentivare lo sviluppo del settore nell’ambiente digitale”, ha concluso il Presidente della Fieg, Maurizio Costa.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore