Portatili senza compromessi

LaptopMobility

Chi ha bisogno di tutta la potenza di un Pc tradizionale da scrivania, ma ha anche esigenze di spostarsi, può optare per un portatile di tutto rispetto che non farà rimpiangere il desktop

Di Dario Meoli I notebook che partecipano alla prova comparativa di questo mese sono macchine nate per sostituire il Pc desktop. Infatti le loro doti sono da ricercare non tanto nella leggerezza e nella portabilit, quanto piuttosto nella potenza di calcolo e nella completezza della dotazione hardware. La caratteristica fondamentale che abbiamo richiesto ai produttori la presenza in un corpo unico di tutte le unit, sia il floppy disk sia lunit ottica (masterizzatore e/o lettore Dvd). Cos facendo abbiamo escluso a priori i notebook dotati di docking station o di drive esterni questi sono pi appropriati a chi preferisce un portatile leggero, da utilizzare in viaggio, rispetto a chi ha minori esigenze di portabilit ma mira ad avere in una macchina tutto il necessario, portatile solo quando serve, per esempio per spostarsi da una sede di lavoro a unaltra. Il peso dei vari notebook in prova varia comunque dai 3,6 Kg ai 4 Kg non si tratta quindi propriamente di pesi-piuma. Come di consueto, abbiamo fissato il quantitativo di Ram, per non generare sperequazioni nei risultati dei benchmark a cui abbiamo sottoposto le macchine. Infatti un notebook con 128 Mbyte fortemente condizionato nella velocit rispetto a uno con 256 Mbyte di Ram abbiamo pertanto chiesto ai produttori di fornirci notebook equipaggiati con 256 Mbyte di Ram, senza peraltro fornire indicazioni supplementari sul tipo di memoria da installare, lasciando loro libera scelta. Anche sul processore e sugli altri componenti abbiamo concesso piena libert ai produttori. Lultima limitazione, stabilita per evitare di avere macchine troppo diverse tra loro o di ricevere notebook al di fuori del target individuato, stava nel prezzo. Il limite superiore di 3.000 euro, infatti, ha prevenuto linvio da parte dei produttori di notebook potenti s, ma troppo costosi per un genere di utenza che invece molto attenta allaspetto economico. Non abbiamo ritenuto opportuno fissare anche un limite di prezzo inferiore, per non escludere nessuno a priori, e ammettendo quindi alla prova anche macchine economiche, purch in grado di sostituire degnamente un Pc. Infine il sistema operativo affinch questo particolare non influenzasse n i benchmark, n il prezzo di commercializzazione, abbiamo stabilito che i notebook dovessero essere equipaggiati con Windows Xp Professional; questo comunque il sistema operativo con cui tali notebook sono di norma venduti nei negozi.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore