Portégé R600, è di Toshiba il notebook più leggero

Dispositivi mobiliLaptopMobility

Alan Thompson, Executive Vice President Toshiba Computer, presenta a Zurigo i nuovi notebook b2b: mobile broadband, resistenza e sicurezza le sfide per i prossimi anni. Portégé R600 è il notebook da record, pesa solo 769 grammi

Il portatile è lo strumento di lavoro preferito e destinato a sostituire sempre di più anche i computer da scrivania. Dal punto di vista tecnologico le sfide ancora aperte riguardano la durata delle batterie, la connettività alla rete ovunque, robustezza e sicurezza. Se sul primo dei problemi c’è ancora molto da fare (nessun notebook consente di lavorare comodamente per un’intera giornata senza alimentazione esterna), sugli altri fronti si sono fatti negli ultimi anni passi da gigante. E intanto sono cambiati gli scenari lavorativi: in Europa già oggi il 47,1% dei professionisti lavora in mobilità e nel 2012 saranno ben 95 milioni i lavoratori ‘mobili’ (Fonte: IDC).

In questo contesto si inserisce l’offerta dei nuovi notebook Toshiba destinati prevalentemente al mondo b2b, presentati in anteprima a Zurigo da Alan

Thompson, Executive Vice President Toshiba Computer. E s u tutti spicca Portégé R600, senza dubbio un vero gioiello di tecnologia, anche se con un prezzo da capogiro: circa 3.000 euro.

porteger600back.png

Toshiba Portégé R600, meno di 800 grammi. Un vero peso piuma con tutto quello che serve per lavorare

Portégé R600 pesa appena 779 grammi. Tanto per offrire un termine di paragone: è poco più della metà di tanti netbook in circolazione. Ma R600 è a tutti gli effetti un laptop professionale. Lo chassis è in magnesio, si può scegliere tra la versione con disco allo stato solido da 128 Gbyte o con il tradizionale Hard Disk e garantisce un’autonomia tale da poter lavorare in tranquillità almeno per mezza giornata. La diagonale del display è da 12 pollici con schermo transflective, il processore Intel Centrino 2. In pratica anche in presenza di luce diretta sarà possibile lavorare agevolmente perché lo specchio riflettente integrato impedisce la rifrazione della luce. Inoltre R600 integra il modulo broadband (Hsdpa) e quindi è sufficiente inserire una SIM per il traffico dati nel comparto adiacente alla batteria per poter navigare ovunque senza bisogno di portarsi dietro chiavette o smartphone in grado di funzionare come modem. Se si accetta di aggiungere appena 75 grammi in più di peso sarà possibile anche utilizzare questo gioiello con un drive ottico Dvd.

portegea600front.png

Toshiba Portégé A600

L’offerta per il mondo business di Toshiba comprende anche Portégé A600. Per 1,4 Kg di peso A600 offre il drive ottico integrato interfaccia combo USB 2.0/eSata, reader Express Card e SD, replicatore Slim Port. La diagonale del display è anche in questo caso di 12 pollici e questo modello sarà disponibile anche con colorazioni differenti (bianco e rosa) perché grazie alla sua versatilità si presta molto bene a soddisfare anche le esigenze del mondo consumer.

portegem750twisted.png

Portégé M750

Tecra R10 e il tablet PC Portégé M750 completano il poker b2b di Toshiba. Il primo pesa circa 2 Kg, costringe a qualche rinuncia in termini di mobilità ma non in quanto a robustezza perché anche in questo caso lo chassis è in magnesio. Lo schermo WXGA+ ha la diagonale da 14 pollici e offre la possibilità di scegliere tra una versione con disco SSD da 128 Gbyte o il tradizionale magnetico da 320 Gbyte. Il processore è in questo caso Intel Core 2 Duo con il supporto fino a 8 Gbyte di RAM. Il secondo si presta per un utilizzo in specifici contesti aziendali (ospedali, scuole) ed è il diretto successore dell’M750. Tutti i modelli saranno disponibili entro la fine di quest’anno. Già da novembre invece sarà disponibile il netbook Toshiba NB100 .

Il valore aggiunto per i notebook b2b presentati da Toshiba va al di là delle semplici specifiche tecniche. Hard disk protetti con guarnizioni di gomma per assorbire gli urti, tastiera isolata dalla parte sensibili del sistema (in modo che l’eventuale versamento di liquidi – fino a 100 ml – non causi danni) protezione della scheda madre dalle dimensioni sempre più ridotte, moduli broadband disponibili su tutti e quattro i modelli e, infine, sistemi di sicurezza all’avanguardia, sono questi i veri punti di forza. Toshiba offre un’utility software che permette agli utenti di configurare la protezione dei dati con una password a livello di BIOS e una password per i dati del disco fisso, è il sistema multilivello disponibile per tutti i modelli.

In più è offerta la possibilità di logon via Bluetooth tramite dispositivo esterno, come il telefono cellulare, in modo che all’allontanarsi dell’utente anche il notebook si blocchi. Se pensate che il punto debole dei notebook siano ancora le cadute… Beh! Anche per quanto riguarda questo problema molto è cambiato. La protezione dell’HDD sfrutta la sensibilità di un accelerometro in grado di registrare dinamicamente movimenti di caduta libera, o semplici urti e il sistema parcheggia le testine proteggendo i dati. A Zurigo abbiamo visto lanciare “letteralmente” un Tecra acceso e fare un volo di circa 2 metri da un’altezza di 70 cm su una superficie solo in parte elastica, senza alcun danno apparente. Se vi dovesse capitare… sappiate che non tutto è perduto!

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore