PowaTag, un’app universale per pagare con lo smartphone

ManagementMarketingMobile OsMobility
0 1 Non ci sono commenti

Si inquadra il tag per acquistare e non si tirano fuori contanti o carte di credito dal portafoglio. Cresce anche in Italia la voglia di fare spesa con lo smartphone. Tanti sistemi, ma nessuno è ancora universale e diffuso

Powa Technologies è una startup inglese con oltre 18 uffici nel mondo e propone un sistema multicanale di pagamento che può essere utilizzato dai consumatori in qualsiasi momento, indipentemente dalla piattaforma mobile che si sfrutta, Powa è sbarcata in Italia questo autunno e ora PowaTag (il nome indica anche l’app) rappresenta una soluzione di mobile commerce con l’ambizione di divenire una proposta di riferimento per i pagamenti via smartphone.

All’atto pratico si tratta di una semplice app da scaricare da Google Play e App Store che permette di fare acquisti sia quando ci si trova sotto copertura 3G/4G e WiFi, ma anche quando si è offline, sfruttando i dati della propria carta di credito e tecnologie come QR Code Audio Tag, Java script, ma anche iBeacons, Nfc e social.

PowaTag, ecco come può funzionare la proposta Powa technologies
PowaTag, ecco come può funzionare la proposta Powa technologies

Un terreno difficile, questo dei pagamenti con smartphone in cui sono già poronti, e stanno affilando ulteriormente le armi i giganti come Google, Apple, ma anche le banche. PowaTag vuole lavorare su alcuni fattori critici:

  1. I consumatori sono molto disorientati dalle diverse possibilità
  2. Alcuni sistemi di pagamento sono utilizzabili solo in alcuni negozi, a seconda dei circuiti
  3. Tante app per il pagamento mobile alla fine sono poco utilizzate, mentre i portafogli sono pieni di carte di fedeltà in gran parte inutilizzate
  4. Serve un’app universale, con precise garanzie di sicurezza

PowaTag lavora su tutte le caratteristiche di interoperabilità e multicanalità come fattori differenzianti, tra i nomi che aderiscono a questa proposta ci sono Motivi e Best Western, Setefi e tra i punti vendita al dettaglio già oltre 800 marchi hanno sottoscritto un accordo tra cui per esempio Universal Music e Carrefour.

Vediamo se e come crescerà questo sistema di pagamento che al momento deve confrontarsi per esempio anche con sistemi come PayPal Check-in. Il rischio è che la mancanza di diffusione a macchia d’olio delle possibilità di acquisto, faccia diventare anche PowaTag l’ennesima proposta bella, ma poco utilizzabile nel nostro Paese.

 

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore