ANALISI

Premio Pulitzer a due media online

Premio Pulitzer all’informazione online

Non è la prima volta che il Premio Pulitzer viene assegnato a siti di news online, ma questa volta è diverso. Come cambia il giornalismo nell’era dei bit

Il Premio Pulitzer ha premiato un giornalista dell’Huffington Post e il vignettista di Politico.com, due media online. Il premio era già stato assegnato a un sito online, ma oggi è diverso. Ciò non significa che sia la fine della carta stampata, ma è il segno che il giornalismo sul Web non è più “figlio di un dio minore”. Il medium non importa più: anche l’informazione online, già sdoganata proprio dal Premio Pulitzer anni fa, ma soprattutto dall’audience su Internet, può essere premiata dagli Oscar del giornalismo che hanno fatto la storia della stampa. Il New York Times, anch’esso insignito di premi Pulitzer, fa il bilancio a un anno dal debutto del paywall. Un sistema, che costringe i lettori a pagare le notizie, che ha fatto la fortuna del sorpasso dell’Huffington Post sulla Signora in Grigio dell’informazione. Facciamo il punto su come cambia il giornalismo nell’era dei bit.

Premio Pulitzer a due media online

Premio Pulitzer a due media online

Mirella Castigli
Autore: Mirella Castigli
Mirella Castigli Mirella Castigli Mirella Castigli Mirella Castigli

I contenuti di Itespresso.it sono disponibili su Google Currents: iscriviti adesso!

Commenti




Un commento su Premio Pulitzer all’informazione online

Lascia un Commento

  • I campi obbligatori sono contrassegnati *,
    L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>