Preparativi per Smau 2004

Workspace

Business, consumer ed e-goverment saranno le tre aree espositive di
Smau, che si svolgerà presso i padiglioni della fiera di Milano dal 21
al 25 ottobre

Mancano più di cinque mesi all’inaugurazione dell’edizione 2004 di Smau, ma la regia dell’evento milanese è già all’opera per definire spazi espositivi, criteri di partecipazione delle aziende, temi dei convegni. Antonio Emmanueli, presidente di Smau, non ha dubbi: “Per il 2004 vogliamo organizzare una manifestazione che trasferisca valore ai visitatori, vogliamo sollecitare le aziende affinché tirino fuori il meglio di sé e non si limitino ad organizzare show con ballerine sgambettanti. Stiamo facendo uno sforzo significativo nei confronti delle piccole e medie imprese e del mercato dell’elettronica di consumo, oltre a creare spazi di discussione per contenuti innovativi come il digitale terrestre e l’Umts”. Gli 80.000 metri quadrati della fiera saranno divisi in tre settori – business, consumer ed e-goverment – soggetti a cambiamenti logistici e organizzativi significativi: musica e chiasso saranno banditi dai settori professionali per garantire una separazione sempre più netta tra mondo business e mondo consumer e nella giornata del 21 ottobre (battezzata Business Day) l’ingresso al settore business sarà rigorosamente limitato ai soli visitatori professionali. I padiglioni business avranno al loro interno aree dedicate alla tecnologia IT, alle soluzioni e servizi per l’impresa, ai mercati verticali (turismo, banche, finanza, cooperazione), alle piattaforme di servizi e alle applicazioni TLC. L’area consumer, invece, oltre all’elettronica di consumo e alla Digital Arena dedicata all’intrattenimento digitale, allestirà anche i settori e-commerceland, telecomunicazioni consumer, domotica e Smau Shop. L’e-goverment, infine, raccoglierà tutto ciò che concerne la pubblica amministrazione locale e centrale, enti, ambiente, salute e beni culturali. Smau, nella veste di ente che sollecita e stimola le imprese, sta inoltre lanciando un interessante progetto: la convocazione degli “Stati generali dell’innovazione tecnologica” a Milano, un evento di due giornate che vorrebbe conferire un nuovo ruolo alla città. Un confronto su quattro tematiche cruciali per lo sviluppo del paese: il sistema del sapere, il mercato impresa, l’e-goverment e il cittadino-digitale. Date e tempi della convocazione sono però tuttora da fissare.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore