Prezzi in calo, difficoltà per Toshiba e Fujitsu

Workspace

I due importanti produttori giapponesi registrano flessioni nei profitti a
causa della forte caduta dei prezzi di microchip e hard drive.

La continua diminuzione dei prezzi si riflette negativamente sui profitti delle società giapponesi. Soprattutto di Toshiba e Fujitsu. La caduta dei prezzi, secondo gli esperti, dovrebbe essere confermata anche nei prossimi mesi. Toshiba, come altri produttori, ritiene che la diminuzione dei prezzi delle memorie Nand avrà il suo massimo picco in questo primo trimestre dell’anno, con diminuzioni che potrebbero raggiungere anche il 70% in meno rispetto a quelli del corrispondente periodo dell’anno passato. Questa tendenza costringe l’azienda a fornire previsioni inferiori del 7,4% rispetto a ottobre scorso, le cui stime avevano ricevuto il consenso dei principali analisti. L’altro importante produttore giapponese sembra essere sulla stessa barca. I profitti sono scesi del 43,5% rispetto al precedente anno, con flessioni record nelle vendite di hard drive e server; risultati che spingono a stime previsionali all’insegna della cautela, seppure in linea con quanto previsto dagli analisti. Anche altri produttori, come la sudcoreana Hynix Semiconductor, si attendono una forte diminuzione dei prezzi delle Nand. Seppure più contenuta.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore