Privacy a ko per un tanga sulle mappe di Google

Autorità e normativeSorveglianza

Provoca sconcerto la visione all’altezza di marciapiede dell’opzione Street
View: il nostro Garante della Privacy non ammetterebbe il servizio in Italia.
Google Transit invece aiuta i pendolari in viaggio

Google e Privacy stanno diventando un ossimoro: il nuovo servizio Street View di Google Maps, che ha svelato il tanga di un’ignara ragazza mentre sale sulla sua automobile, ha fatto il giro del mondo. Google e tutela della riservatezza sono agli antipodi: tanto da far dire al nostro Garante della Privacy, Francesco Pizzetti, che sarebb e pronto a dare battaglia contro il colosso di Montain View, nel caso in cui intendesse estendere il servizio in Italia. Parole che pesano. L’immagine della ragazza immortalata in tanga a San Francisco non solo ha creato sconcerto tra le associazioni a difesa della privacy, ma anche ha sollevato l’indignazione planetaria verso questi zoom indebiti che fanno il giro della Rete. Ma a far gridare all’effetto Grande Fratello di orwelliana memoria sono anche altre immagini: di un uomo che esce da un locale di streaptease e di un ragazzo al tavolino di un bar. Street View consente di monitorare la vita delle persone anche offline ? Però mette l’immagine delle persone a portata di zoom in Rete, in una vetrina online di dimensione planetaria.

Infine Google Maps si è arricchita di una nuova funzionalità, questa non invasiva e che anzi dà una mano ai pendolari: Google Transit permette di trovare e visualizzare tratte e orari di autobus e treni in alcune aree, fornendo orari e tragitti. La mappatura di Google Transit è ancora sperimentale e copre soltanto alcuni servizi ferroviari e metropolitani in Usa e Giappone.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore