Privacy, Garante a caccia di database

NetworkProvider e servizi Internet

L’Autorità inizierà nel primo semestre una serie di ispezioni

Sotto l’occhio inflessibile del Garante della Privacy finiranno i database, soprattutto siti Internet, vendite a distanza, case farmaceutiche, sistemi di informazioni creditizi. La Guardia di finanza, insieme all’Autorità per la tutela della riservatezza, dovrà verificare se chi gestisce banche dati, raccolga, usi e conservi i dati personali dei cittadini in modo legittimo. L’ufficio del Garante (composto da Francesco Pizzetti, Giuseppe Chiaravalloti, Mauro Paissan e Giuseppe Fortunato) ha definito criteri, principi e priorità di intervento. La vigilanza e il controllo sul rispetto delle norme avverrà alla luce delle ultime modifiche sul Codice sulla protezione dei dati personali.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore