Privacy, la UE multerà la fuga dei dati IT

Autorità e normativeMarketingSicurezzaSorveglianza

La Commissione europea vuole porre fine alla piaga della fuga dei dati: le aziende colpevoli di data breach verranno multate con sanzioni. Lo prevede la direttiva Data Protection che sarà votata nel 2012

La Commissione europea sta mettendo a punto una nuova direttiva in materia di privacy e protezione dati. Nell’anno nero della fuga dei dati (data breach hanno colpito svariati colossi hi-tech, a partire dal caso Sony Playstation Network), la UE sta realizzando la Data Protection Directive. Già nei mesi scorsi la UE ha preso atto dei recenti data breach: i casi di Sega (1,3 milioni di dati compromessi), Playstation Network (100 milioni di dati trafugati) e i cyber attacchi a FmiCitigroup (con 360.000 account hackerati) sono sotto gli occhi di tutti. Proteggere i dati non è un optional, ma è priorità: anche per banche e servizi finanziari.

La direttiva Data Protection promette multe fino al 5% del turnover. Secondo il Financial Times la proposta della Commissione europea imporrà inoltre notifiche obbligatorie in 24 ore a tutte le aziende vittime di data breach, a difesa della privacy dei cittadini. Infine le aziende con oltre 250 dipendenti dovranno avere uno staff a tempo pieno dedicato alla tutela dei dati. Secondo lo studio di avvocati Eversheds l’obbligo della notifica in 24 ore non è banale, perché non sempre si è in grado di stabilire subito quando la fuga di dati è effettivamente avvenuta; inoltre a volte le aziende grandi non processano dati sensibili, al contrario di piccole aziende, però non sottoposte all’obbligo. Nonostante alcune lacune, la direttiva si preannuncia comunque interessante perché mette al centro il diritto degli utenti alla protezioni dei dati nell’era digitale.

Lo scorso giugno il commissario europeo per la giustizia, Viviane Reding, ha affermato che bisogna offrire assicurazione agli utenti business in merito ad una seria e coscienziosa protezione dei dati.

 

Viviane Reding (UE)
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore