Privacy, Microsoft apre il codice sorgente della collezioni dati WiFi in Windows Phone 7

Autorità e normativeMarketingSicurezzaSorveglianza

Microsoft punta sulla trasparenza in tema di privacy e geo-localizzazione. Il codice sorgente aperto deriva dai software che collezionano i dati degli access point Wi-Fi

Microsoft è in vena di aperture. Prima ha autorizzato il jailbreak di Windows Phone 7, adesso Microsoft apre il codice sorgente della collezioni dati WiFi, con lo scopo di garantire a utenti e regolatori il massimo rispetto della privacy nella geo-localizzazione. Reid Kuhn, manager del partner group program del Windows Phone Engineering team, spiega che Microsoft punta sulla trasparenza in tema di privacy e geo-localizzazione: nel blog post illustra che il codice sorgente in questione deriva dal software di “managed driving data collection”. E cioè deriva dai software che collezionano i dati degli access point Wi-Fi.

Il codice sorgente dimostra sia la tiplogia che la quantità di dati che noi collezionamo quando studiamo gli  access points Wi-Fi attraverso managed driving” spiega il manager di Microsoft. “Quando costruiamo i database usati per i servizzi di localizzazione per Windows Phone 7, sfruttiamo veicoli per ottenere i dati disponibili (che chiamiamo ‘managed driving‘) attraverso auto equipaggiate con cellulari che analizzano gli access points Wi-Fi e le celle della telefonia mobile” ltre ai GPS. Tutti dati pubblici e non privati.

Oltre a collezionare ed uploadare ii dati GPS, Wi-Fi e cellulari, include altre funzioni amministrative e di gestione, riferite al self-recovery ed alla diagnostica“. Microsoft scommette sulla trasparenza come risposta a Street View, sulla graticola in Europa, dopo la multa francese. Secondo Ovum il mercato della collezione dati provenienti dagli smartphone è in pieno boom e varrà 3 miliardi di dollari entro il 2013. Secondo Mobile Marketer, da uno studio di Google emerge che l’82% dei possessori di smartphone ricevono advertising mobile e il 74% acquista dopo aver usato uno smartphone durante lo shopping.

Infine Microsoft guiderà un gruppo di enti (comprendente BBC, British Sky Broadcasting e BT) che in Gran Bretagna avvieranno test per utilizzare lo spettro delle frequenze TV per le nuove reti WiFi. Lo spazio bianco (white spaces, in inglese) è fra i 300 e i 400 MHz, è in grado di percorrere lunghe distanze e penetrare attraverso i muri.

Windows Phone 7 si aggiornerà con Mango
Microsoft apre il codice sorgente della collezioni dati WiFi in WP7
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore