Privacy, troppa leggerezza sul consenso al trattamento dei dati

AutenticazioneAziendeMercati e FinanzaSicurezza

Altroconsumo vuole condurre tutti al centro delle sfide che l’innovazione pone giorno per giorno. E’ così che nasce l’evento Festivalfuturo, che si terrà all’Unicredit Pavilion di Milano nei giorni 4 e 5 novembre

Apertura, ma allo stesso tempo diffidenza sull’uso dei propri dati personali, ma anche disattenzione nel barrare le caselle termini e condizioni, senza di fatto sapere l’uso che ne conseguirà. Secondo il 91% di un campione di utenti internet dichiara di barrare la casella termini e condizioni di utilizzo di servizi online o app senza leggere le condizioni per la privacy. Inoltre, fra gli utilizzatori dei social network (Facebook, Twitter, Instagram) solo il 26% si fida dell’uso che verrà fatto dei propri dati personali. Il 59% degli utenti intervistati si sentirebbe a disagio nel caso i propri dati su salute e stili di vita raccolti online o attraverso dispositivi connessi fossero utilizzati dalla compagnia assicurativa, percentuale che scende al 14% di fronte alla richiesta di condividere i propri dati di mobilità con le autorità locali per migliorare il traffico e il trasporto pubblico.

SoftBank investirà 50 miliardi di dollari in IoT e AI negli USA
Altroconsumo – Festivalfuturo – Unicredit Pavilion Milano

Sono questi i risultati di un’indagine statistica di Altroconsumo su comportamenti e opinioni relativi alla privacy online su un campione di mille utenti internet dai 18 ai 64 anni distribuito sul territorio nazionale. Quello che ne emerge è che gli utenti mostrano da un lato l’apertura degli utenti all’utilizzo dei propri dati in cambio di benefici, dall’altro scarsa fiducia nell’uso che potrebbe esserne fatto da terzi. La consapevolezza delle potenzialità e del valore dell’utilizzo dei propri dati deve essere rafforzata presso le persone e gli utenti. L’Internet of Things, i prodotti connessi, i dati sui comportamenti e sulle scelte stanno determinando il futuro.

Altroconsumo vuole condurre tutti al centro delle sfide che l’innovazione pone giorno per giorno. Perché oltre alla qualità dello sviluppo degli strumenti tecnologici e digitali ci sia l’abilità da parte delle persone nell’utilizzarli al meglio. E’ così che nasce l’evento Festivalfuturo, che si terrà all’Unicredit Pavilion di Milano nei giorni 4 e 5 novembre prossimi, con l’obiettivo di riunire gli attori delle sfide sullo sviluppo digitale e tecnologico nelle più varie declinazioni: Federico Pistono, imprenditore business angel, interverrà sul nuovo oro nero per le aziende, i dati personali, e su come volgere la situazione a favore del consumatore; Troy Conrad Therrien, curatore dell’Architecture and Digital Initiatives presso il Guggenheim Museum, condividerà l’esperienza intrisa di sperimentazione tech, in vista delle prossime esposizioni di architettura, arte e tecnologia a New York e Bilbao. 

L’evoluzione e lo sviluppo non possono prescindere dall’attenzione al territorio: il Festival ha ottenuto il Patrocinio della Regione Lombardia e del Comune di Milano. Cinque aree a percorso aperto guideranno le esperienze di innovazione. Un’occasione di incontro tra centinaia di cittadini e nuove soluzioni capaci di impattare abitudini e comportamenti: dal benessere individuale alla casa intelligente, dal FinTech ai progetti di nuova mobilità. Dall’ecommerce ai nuovi strumenti di pagamento digitale, dalle app per ordinare i pasti alle assicurazioni auto con scatola nera, dai servizi pubblici urbani smart ai sistemi di cybersecurity per difendere i propri dati.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore