Privacy, una risorsa per imprese e cittadini. Il garante ha organizzato una conferenza internazionale

NetworkProvider e servizi Internet

Gasparri, protocollo internazionale contro lo spamming

Come si legge nella nota pubblicata qualche giorno fa, domande come E possibile considerare la privacy come un valore aggiunto delleconomia, che per crescere – oggi pi che mai – ha bisogno di dati e di informazioni? E possibile vedere nel rispetto della privacy non gi un ostacolo alla libera iniziativa, ma un ausilio, una risorsa, appunto, che i soggetti economici pi accorti possono utilizzare per affermare un modello in cui la competizione nel mercato e la conquista del cliente siano compatibili con i diritti del consumatore e il rispetto della persona umana? domande che riguardano imprese e consumatori di ogni parte del mondo, lAutorit Garante per la protezione dei dati personali (composta da Stefano Rodot, Giuseppe Santaniello, Gaetano Rasi, Mauro Paissan) ha voluto esplorare le soluzioni e gli approcci possibili organizzando una Conferenza internazionale alla quale ha invitato tutti i soggetti coinvolti. La Conferenza, dal titolo Privacy, Cost to Resource – Privacy, da costo a risorsa, si svolta il 5 e 6 dicembre presso la sede del Garante, in Piazza Monte Citorio, 123/A. Aziende multinazionali, studiosi di fama internazionale (tra gli altri, Amitai Etzioni, Robert Gellman, Spiros Simitis), rappresentanti istituzionali e politici, grandi associazioni di categoria, consumatori ed esperti si sono confrontati sulla sfida che pone la conciliazione di garanzie per i cittadini e le opportunit per le imprese, le prospettive di sviluppo economico in un mercato privacy-oriented. Anche per la protezione dei dati personali nel commercio e per evitare fenomeni sempre pi invasivi come lo spamming, le-mail spazzatura, sono necessari protocolli internazionali. E quanto ha detto il Ministro delle Comunicazioni, Maurizio Gasparri, intervenendo alla conferenza sulla Privacy a Roma. Ricordando che a livello nazionale ed europeo molto e gia stato fatto, Gasparri ha per sottolineato come il problema del marketing via web sia un caso mondiale, che travalica i confini dellEuropa. Come esistono protocolli internazionali per molti aspetti come la tutela dei minori, sara possibile avere anche un accordo per uninformazione corretta e alla riservatezza. E una sfida da affrontare intanto ai nostri livelli, e lo facciamo, e poi anche a livelli pi alti. A questo proposito, il Ministro non ha escluso anche un coinvolgimento dellOnu.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore