Problemi di sicurezza sulle batterie GSM Nokia: chieste spiegazioni al produttore.

MobilityNetworkWlan

Altroconsumo scrive al Ministero delle Attività Produttive e a Nokia.

Come riporta una nota del sito di Altroconsumo, Associazione indipendente di consumatori, l’associazione ha scritto al ministero delle Attività produttive e a Nokia Italia per segnalare i risultati del test realizzato sulle batterie dei Gsm che, causa l’assenza del dispositivo che interrompe la corrente in caso di cortocircuito, si surriscaldano e possono, in determinate circostanze, esplodere. Il mese scorso, Nokia aveva diffuso un comunicato in cui dopo recenti notizie di esplosioni e incidenti su propri telefoni gsm raccomandava ai propri clienti di utilizzare solo batterie originali affermando che i propri esperti avevano accertato che tutti gli incidenti riguardavano batterie non originali. La stessa richiesta di spiegazioni è stata inoltrata contemporaneamente, in Belgio, da Test-Achats l’associazione partner di Altroconsumo. Già il mese scorso si era avuta notizia di esplosioni e incidenti su telefoni Gsm Nokia in Europa, Asia e Australia, ma Nokia aveva diffuso un comunicato in cui raccomandava ai propri clienti di utilizzare solo batterie originali affermando che i propri esperti avevano accertato che tutti gli incidenti riguardavano batterie non originali Il test realizzato da Altroconsumo e Test-Achats ha invece preso in analisi batterie originali Nokia, testate in un laboratorio indipendente. Alla luce dei risultati, spiega la nota, «abbiamo sollecitato il ministero delle Attività produttive e Nokia a intervenire perché sia garantita al consumatore la disponibilità sul mercato di Gsm sicuri, dunque che non contengano la batteria priva del dispositivo che evita i cortocircuiti, come previsto dalla legge sulla sicurezza generale dei prodotti (decreto legislativo 17/3/95 n°115), per la quale i consumatori devono avere la certezza di poter trovare in commercio solo prodotti realmente sicuri; venga resa pubblica la lista dei modelli con numero di lotto delle batterie senza sistema di sicurezza; nel caso un consumatore sia in possesso di Gsm con batteria pericolosa, questa venga sostituita immediatamente, senza spese ulteriori per il consumatore».

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore