Procedura fallimentare per KpnQwest

Workspace

La mancata vendita di alcuni asset ha costretto il gruppo olandese-americano a portare i libri in tribunale. A rischio la rete in fibra ottica della società

E terminato venerd 31 maggio il tentativo di KpnQwest – la societ internazionale di telecomunicazioni nata pariteticamente dalla joint-venture economica tra lazienda olandese Kpn e lamericana Qwest – di vendere le attivit messe sul mercato per ottenere la liquidit indispensabile per continuare a operare nel settore a livello mondiale. La decisione di cedere al migliore offerente alcuni degli asset migliori del gruppo, era stata presa proprio allo scopo di non essere costretti a dichiarare lo stato fallimentare. Ma la mancanza di interesse del mercato nei confronti di questa attivit ha innescato la fase finale della procedura di non-ritorno, a cui adesso far seguito la nomina di un curatore fallimentare e la serie di tentativi previsti dalla legge per cercare di trovare un acquirente interessato a rilevare le attivit dellazienda. Tra le conseguenze della richiesta di procedura fallimentare, c anche u aspetto tecnico da non sottovalutare. La rete di fibra ottica di KpnQwest attualmente una delle maggiori a livello europeo, utilizzata da grandi clienti (Dell, Hewlett-Packard, Ibm) per accedere a Internet e trasmettere dati. In seguito alla procedura avviata, la rete potrebbe essere chiusa, con danni economico-tecnici notevolissimi. Del resto la situazione era allarmante da tempo, come testimoniava linvito che lo stesso Gruppo aveva rivolto ai propri clienti di trovarsi un altro network.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore