Processo

Autorità e normativeSorveglianza

Nel rito abbreviato per il processo a Google Italia, dove sono imputati quattro dirigenti di Google, accusati di diffamazione e violazione della privacy, è emerso che nessun dato è trattato in Italia

Colpo di scena nel processo contro Google, nel caso del video choc postato da studenti su Google Video ai danni di un ragazzino disabile. Nel rito abbreviato per il processo a Google Italia, dove sono imputati quattro dirigenti di Google, accusati di diffamazione e violazione della privacy, è emerso che nessun dato è trattato in Italia, in quanto i server sono tutti negli Stati Uniti.

L’avvocato Giuliano Pisapia, uno dei difensori degli imputati, ha commentato soddisfatto: “E’ stata una testimonianza estremamente positivaperche’ il teste ha chiarito che Google Video dipende da Google Inc. Usa e che i dati dei filmati non vengono trattati in Italia”. Oggi è intervenuto l’ingegnere

Jeremy Doig, che aveva contributo alla creazione del servizio Google Video.

Imputati sono Carl Drummond (ex presidente del cda e legale di Google Italy e oggi Senior vice presidente e dirigente del servizio legale), George De Los Reyes (ex membro del cda di Google Italy, ora in pensione), Peter

Fleischer (responsabile policy sulla privacy per l’Europa di Google) e Arvind Desikan (responsabile progetto Google Video per l’Europa).

Carl Drummond (ex presidente del cda e legale di Google Italy e oggi Senior vice presidente e dirigente del servizio legale), George De Los Reyes (ex membro del cda di Google Italy, ora in pensione), Peter

Fleischer (responsabile policy sulla privacy per l’Europa di Google) e Arvind Desikan (responsabile progetto Google Video per l’Europa)

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore