Project Adam, l’intelligenza artificiale di Microsoft fa passi da gigante

AziendeManagementSistemi OperativiWorkspace
Project Adam, l'applicazione per l'intelligenza artificiale di Microsoft
0 0 Non ci sono commenti

Microsoft ha dimostrato live la sua tecnologia per l’Intelligenza Artificiale, Project Adam, ha potenzialità di applicazione in medicina, ma non solo. Ecco qualche dettaglio.

Ieri all’annuale Research Faculty Summit, Microsoft ha mostrato un progresso non indifferente nella sua tecnologia per l’Intelligenza Artificiale. Un’app, chiamata Project Adam, è pronta ad identificare tutto quello che la circonda, come il Fire Phone. L’app è ancora in fase di sviluppo, ma mostra già risultati promettenti.

Microsoft sostiene che Adam stata meticolosamente calibrata perché i ricercatori potessero imitare il cervello umano, creando un computer ad alte performance che costruisce e conserva dati su un sistema a larga scala di distribuzione che lavora come i processi neurali delle persone. Trishul Chilimbi e il suo team hanno sviluppato la rete neurale dell’app.

“Ricerche recenti – affermano – si concentrano su Project Adam e la sua classificazione di oggetti, raccogliendo un massiccio database di 14 milioni di immagini dal web e da siti come Flickr, con 22.000 categorie generate dall’uso dei tag da parte degli utenti. Usando 30 volte meno macchine di altri sistemi, i dati sono stati utilizzati per ‘addestrare’ una rete neurale fatta da più di due miliardi di connessioni. Questa infrastruttura modulare è due volte più precisa e la sua capacità di riconoscere gli oggetti è 50 volte più veloce di altri sistemi”.

La dimostrazione dell’app includeva l’identificazione della razza di tre cani davanti ad una platea. E l’esperimento è riuscito perfettamente.
E sebbene ci vorrà ancora del tempo prima che diventi un’applicazione commerciale, Project Adam mostra un notevole potenziale.I ricercatori Microsoft propongono applicazioni utili per Adam come l’identificazione di tutti i contenuti nutrizionali di un pasto da una semplice foto, o la corretta diagnosi di una malattia della pelle o il riconoscimento di piante commestibili cresciute spontaneamente.

Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore