Project Ara in dieci dettagli

AccessoriMarketingMobile OsMobilityWorkspace
Motorola lancia Project Ara per personalizzare gli smartphone

Le dieci caratteristiche di Project Ara, lo smartphone modulare di Google. Per reinventare lo smartphone con il fa-da-te. Al debutto a inizio 2015

Google ha in cantiere un’iniziativa, sulla carta davvero originale e dedicata agli utenti dall’anima Green: uno smartphone modulare in stile Lego,  dedicato a chi ama il fai-da-te, ma soprattutto a chi non vuole cambiare smartphone ogni sei mesi o un anno, ma preferirebbe solo “aggiornare i pezzi datati”, sostituendo magari la fotocamera con una più potente e così via.

Project Ara rappresenta una piattaforma di open hardware gratuito per creare smartphone altamente modulari. Una sorta di Android a livello hardware.

Vediamo Project Ara in dieci dettagli. Innanzitutto, la roadmap: Grey Phone, che costituisce la versione base di Ara, dovrebbe debuttare a inizio 2015. In secondo luogo, i prezzi: il Grey Phone dovrebbe costare circa 50 dollari alla produzione, ma il prezzo commerciale dipenderà dai partner selezionati; sarà previsto anche un Project Ara top di gamma sui 500 dollari (il Galaxy S5 alla produzione costa la metà). I modelli: sono previsti Project Ara in tre dimensioni, medium come quello visto finora, ma anche Small e Large per gli amanti dei grandi schermi. I moduli: a tenere insieme i moduli dello smartphone scelti,  è un endoscheletro (la parte centrale si chiama Endo), che costituisce la cornice strutturale: display, tastiera o batteria extra; l’approaccio dovrebbe aiutare i possessori di smartphone a cambiare le parti malfunzionanti dei moduli o effettuare l’upgrade (di fotocanera, batteria, connettività eccetera) man mano che emergono innovazioni, rendendo il cellulare aggiornato per periodi più  lunghi degli attuali smartphone. I vari moduli sono realizzati da chiunque voglia sviluppare tramite l’MDK (Module Developers Kit).

Motorola lancia Project Ara per personalizzare gli smartphone
Motorola lancia Project Ara per personalizzare gli smartphone

Distribuzione: accanto a Google Play sarà allestito un sito ad hoc, per vendere i moduli; un’app apposita ne mostrerà le potenzialità per scegliere in maniera consapevole; inoltre, sono previsti chioschi, dei punti fisici, in cui provare di persona Ara come in uno showroom. La piattaforma: Android verrà aggiornato nel 2015 per supportare un progetto modulare come Ara. Prototipi: i primi si vedranno a settembre, per dare un’idea più completa del progetto. Pluri-funzioni: i moduli potrebbero ospitare più funzioni, per esempio sul retro potrebbe esserci un secondo display più piccolo. Utenza: Project Ara è un’idea innovativa per Geek ed appassionati, ma regalando sei anni di vita a ogni smartphone, tramite gli upgrade modulari, potrebbe trovare un target nel mondo del Green IT. Vendor e developer: Trovare produttori e sviluppatori sembra l’aspetto più difficile. Dovranno essere vendor che metteranno il design in secondo piano, ma pronti a mettersi in gioco nella sfida dei moduli più originali.

Project Ara

Image 1 of 6

Project Ara

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore