Project Spartan sarà il principale browser di Windows 10

Sistemi OperativiWorkspace
Project Spartan debutterà su Windows 10, ma senza mandare in pensione Internet Explorer
1 23 Non ci sono commenti

Microsoft adotta Project Spartan come browser principale, ma senza mandare in pensione Internet Explorer (IE). IE rimarrà in alcune versioni enterprise della prossima versione dell’OS

Microsoft adotta Project Spartan come browser principale, ma senza mandare in pre-pensionamento Internet Explorer (IE). Lo ha annunciato Convergence 2015 in Atlanta, Chris Capossela, chief marketing officer di Microsoft. L’azienda di Redmond è anche “in cerca” di un nuovo brand per attribuire un nome ufficiale a Project Spartan.

Project Spartan debutterà su Windows 10, ma senza mandare in pensione Internet Explorer
Project Spartan debutterà su Windows 10, ma senza mandare in pensione Internet Explorer

Capossela, però, lo ha detto a chiare lettere: il debutto di Project Spartan non significa l’abbandono di IE. “Continueremo ad avere Internet Explorer, ma avremo anche un nuovo browser, il cui nome in codice è Project Spartan. Dobbiamo dargli un nome” ha precisato Capossela.

A V3, un portavoce di Microsoft ha spiegato che alcune versioni enterprise di Windows 10, particolarmente focalizzate sul business,  supporteranno ancora Internet Explorer.

Per contrastare l’avanzata di Google Chrome e Mozilla Firefox nel mercato browser, Project Spartan avrà alcune funzionalità originali come le annotazioni scritte a mano su una pagina Web da condividere con più utenti, grazie al servizio cloud di OneNote. Naturalmente sarà incluso il supporto dell’assistente digitale e vocale Cortana.

Secondo il Financial Times, Microsoft intende superare le debolezze di Explorer e lanciare un browser compatibile con gli standard e più adeguato alla nuova generazione di dispositivi dell’era Mobile. Con vent’anni alle spalle, IE era il browser del Web anni ’90, prima del 2.0.

Project Spartan sarà rilasciato con Windows 10, che – dalle ultime notizie giunte dalla Winhec in Cina – potrebbe debuttare in estate.
Uno dei punti di forza di Windows 10 sarà Windows Hello, il riconoscimento biometrico al posto delle password.

Windows Hello sfrutta gli esistenti lettori di impronte digitale, più una speciale combinazione di hardware e software per il riconoscimento facciale o dell’iride. La videocamera usa la tecnologia a infrarossi per identificare gli utenti, e non potrà essere ingannata da fotografie od altre tattiche per bypassare il riconoscimento reale.

Internet Explorer detiene circa il 57% degli utenti Internet a livello globale su desktop, secondo NetMarketShare. Ma nell’era Mobile, la navigazione passa a Project Spartan.

Conoscete la storia dei browser? Misuratevi con un Quiz!

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore