Apple punta al software per la guida autonoma

AziendeMercati e Finanza
Project Titan addio, Apple punta al software per la guida autonoma
1 1 Non ci sono commenti

Invece di seguire il modello Tesla, Apple potrebbe seguire il modello Google nel mercato delle self-driving car: solo software per la guida autonoma e niente hardware. Nel frattempo, si fa largo il modello di car-as-a-service

Project Titan si ridimensiona. Invece di seguire il modello Tesla, Apple potrebbe seguire il modello Google nel mercato delle self-driving car, le auto che si guidano da sé: solo software per la guida autonoma e niente hardware. Non più un’auto elettrica, ma un Apple Car simile a Google car: l’azienda di Cupertino potrebbe aver rivisto al ribasso le ambizioni da automaker, mentre si profila il modello di Car-as-a-service, quello della mobilità condivisa più che del mezzo di trasporto, il modello del servizio più che un prodotto.

Project Titan addio, Apple punta al software per la guida autonoma
Project Titan addio, Apple punta al software per la guida autonoma

Secondo Bloomberg, il Ceo Tim Cook avrebbe preso sottogamba le difficoltà connesse alla fornitura delle componenti per la produzione di un veicolo elettrico, ma ora potrebbe decidere che fare nel 2017: l’azienda deciderà una volta per tutte come rimodulare il proprio progetto nelle quattro ruote e intanto vedremo se acquisirà o no la McLaren, perché un conto è fare da soli, un altro è aggiudicarsi una filiera che va dai fornitori alla distribuzione. Il team di mille unità potrebbe servire ad Apple potrebbe lavorare con diverse aziende automotive a livello di partnership senza sentirsi un concorrente diretto. per lavorare con diverse aziende Automotive a livello di partnership, senza diventare un concorrente diretto, un produttore di auto.

Le self-drivimg-cars saranno adottate tra il 2025 e il 2035, quando si passerà da 600mila veicoli venduti l’anno fino a 21 milioni(fonte: Ihs Markit).

Ma intanto l’auto come servizio fa passi avanti: Gm ha investito 500 milioni in Lyft, la rivalw di Uber; Daimler ha i suoi car sharing (Car2Go, Hailo) e trasporto per privati (MyTaxi, Blacklane). Ora vedremo quali modelli, se auto come prodotto o car-as-a-service, si affermeranno.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore