Proroga di venti giorni a Microsoft

Autorità e normativeNormativa

Nel nuovo capitolo del braccio di ferro che contrappone l’azienda alla Ue, il
colosso di Redmond avrà tempo fino al 23 aprile per fornire una replica

Microsoft non ha più i giorni contati nel nuovo atto d’accusa della saga Antitrust che contrappone l’azienda alla Ue. La scadenza del 3 aprile è stata prorogata al prossimo 23 aprile, regalando ben 20 giorni di tempo a Microsoft per replicare al nuovo atto accusatorio della Commissione europea. La proroga è stata riportata da un portavoce dell’esecutivo europeo.Microsoft aveva chiesto la proroga al funzionario che ha presieduto l’udienza sul caso. Microsoft è stata recentemente definita recidiva dal Commissario alla concorrenza Neelie Kroes: Microsoft è stata accusata di abusi continui, ma soprattutto la Ue ha puntato il dito contro la richiesta di pagamenti a rivali in cambio di informazioni sull’interoperabilità dei server. Inoltre la Ue ha minacciato nuove maxi multe a Microsoft .

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore