Corte europea: Può essere licenziato chi usa la posta aziendale per fini privati

Autorità e normativeNormativa
Corte europea: Può essere licenziato chi usa la posta aziendale per fini privati
4 5 Non ci sono commenti

Lo stabilisce la Corte di Strasburgo. Secondo la sentenza, le imprese possono spiare email private e messaggi dei dipendenti se usano la posta aziendale invece di quella privata

La Corte di Strasburgo ha stabilito che sono licenziabili i dipendenti che utilizzino la posta aziendale per uso privato ed autorizza le imprese a spiare email private e messaggi dei dipendenti.

Corte europea: Può essere licenziato chi usa la posta aziendale per fini privati
Corte europea: Può essere licenziato chi usa la posta aziendale per fini privati

La sentenza è sta emessa in merito al ricorso di un cittadino romeno licenziato perché, durante l’orario di ufficio, chattava con la fidanzata e il fratello su Yahoo Messenger.

La Corte europea ha deciso che i datori di lavoro possono licenziare i dipendenti in caso di utilizzo di email e chat a fini personali, e non solo professionale, durante l’orario di lavoro. Non viola la privacy dei lavoratori il controllo della posta elettronica (e dei programmi di messaggistica). È perfino autorizzato il licenziamento in caso di uso privato dell’email pubblica.

In base alla sentenza della Corte di Strasburgo dei diriti umani, “non è irragionevole che un datore di lavoro voglia verificare che i dipendenti portino a termine i propri incarichi durante l’orario di lavoro“. Il datore di lavoro aveva effettuato il monitoraggio nella convinzione di trovare tutto in regola, soltanto email di lavoro.

In Italia il Jobs act ha introdotto alcune forme di controllo da remoto, nel rispetto della privacy. L’Authority presieduta dal garante Privacy Antonello Soro, intervenuto nella relazione annuale al Parlamento, a giugno ha però lanciato un monito: “No a forme ingiustificate e invasive di controllo”, aggiungendo che il “monitoraggio di impianti e strumenti non deve tradursi in una indebita profilazione delle persone che lavorano”. Rimangono sotto tutela opinioni politiche, sindacali, religiose, vita affettiva e sessuale del dipendente: nessuna indagine potrà essere svolta sulla sfera personale.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore