Qimonda in bancarotta

Aziende

Il vendor di chip spera di riemergere dopo la ristrutturazione. Chiesto lo stato di insolvenza

Dopo aver dichiarato bancarotta e chiesto lo stato di insolvenza, Qimonda sta cercando le protezioni governative tedesche. Il vendor di chip inizierà un programma di ristrutturazione in cooperazione con un amministratore nominato dalla corte.

A Qimonda, nata nel 2006 dall spin-off di Infineon, sono stati fatali lo stato finanziario (il crollo degli utili) unito al rallentamento del mercato Dram: nell’attuale recessione con stretta sul credito, Quimonda non ha trovato la via per nuovi finanziamenti. Fino alla bancarotta.

Il chipmaker è impegnato a tagliare i costi in Virginia, mentre consolida le operazioni a Monaco e in Cina.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore