Qtrax, il file sharing legale sposa advertising e Drm

AccessoriWorkspace

Musica gratuita per gli utenti, ma protetta tramite Drm e le Major ricompensate con i ricavi degli spot: è questo il modello proposto da Qtrax per la diffusione dei brani online

Sulla scia di SpiralFrog, che però aveva ottenuto il sostegno solitario di Universal, è nato Qtrax , il P2p che piace alle Major.

Il servizio gratuito di file sharing online sposa spot e Drm. Qtrax permette di scaricare gratuitamente brani musicali, sostenuti dalla pubblicità e protetti con il sistema di Digital rights management Drm Windows Media: il sistema esclude l’iPod, ma fino al 18 marzo anche gli utenti Mac (e Linux), essendo per ora dedicato soltanto a utenti di Windows Xp e Vista. L’offerta di Qtrax parte con 5 milioni di brani, ma presto metterà a disposizione 25-30 milioni di tracce protette da copyright.

Il tutto finanziato dagli introiti pubblicitari: la condivisione delle entrate dell’advertising online avverrà in proporzione ai download e quindi al successo di un brano, grazie al “contatore” della tecnologia per la gestione dei diritti digitali. Qtrax inoltre scommette sulla sicurezza, promettendo

uno scambio file senza spyware, adware e pop-up comuni. Infine il sito offrirà anche sezione speciali con brani live di concerti registrati anche solo la notte prima.

Le Major, dopo il crollo del mercato del Cd e il f allimento delle crociate anti p2p, sdoganano il file sharing a modo loro: con un servizio ad alta qualità e protetto con Drm. Vedremo se sarà la svolta dei servizi legali.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore