Qualcuno rema contro il decreto che elimina i costi di ricarica?

Mobility

Il decreto è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, è già in vigore, ma
solleva interrogativi da parte degli operatori

Il decreto Bersani sulle liberalizzazioni ha finalmente cancellato i famigerati costi di ricarica sulle carte prepagate della telefonia mobile: l’eliminazione è già in vigore, ma qualcuno rema contro. Gli oppositori del decreto Bersani (ottenuto in seguito alle centinaia di migliaia di firme alla Petizione Aboliamoli.eu) sono i carrier stessi (forse sì o forse no) con la complicità (ancora non definita) di Bruxelles. È già arrivata al ministero una richiesta informale di chiarimenti interpretativi, da parte di un funzionario di Bruxelles; potrebbe essere in dirittura un ricorso contro il provvedimento di uno o più operatori mobili in sede europea; infine c’è chi prevede che alla cancellazione corrisponda un incremento delle tariffe telefoniche, per compensare l’abrogazione dei costi delle ricariche. Nuvole nere sono dunque all’orizzonte.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore