Quale futuro per i contenuti sulle reti wireless?

Network

La tendenza sembra andare verso i portali personalizzabili

Fino a poco tempo i contenuti visualizzabili sui telefoni cellulari si limitavano a qualche scarna informazione, ma ora molti carrier sembrano intenzionati a partire con delle offerte ben più articolate. In particolare sono molti quei provider che offrono possibilità di personalizzazione del menu che permettono di ottenere siti su misura con grosse possibilità di connessione ad altri siti, non necessariamente facenti parte dellofferta del carrier. Gli utenti per la telefonia mobile vogliono vedere i contenuti di loro interesse raccolti in uninterfaccia ad accesso immediato. Stanno diventando sempre più personalizzabili ha osservato Kelly Dixon, general manager per il settore wireless di Bell Mobility. Fondamentale per partire con il nuovo trend, è stata lofferta di Verizon Wireless, che un anno fa ha lanciato il primo grande servizio di offerta di contenuti pensato per il pubblico wireless. Cè un potenziale di utenti molto alto, ma al momento laccesso wireless lo usano in pochissimi ha spiegato Tole Hart, analista senior per il settore wireless di Gartner Dataquest. Adesso però le cose potrebbero cambiare, perché allofferta di Verizon si sono aggiunte quelle di Yahoo, Excite@Home e Lycos che potrebbero rappresentare la svolta per il mercato. Quando Internet iniziò si aveva la scelta tra un limitato numero di portali, ora si può personalizzare nei minimi dettagli un portale fatto su misura rispetto alle singole esigenze e interessi. Non è sorprendente che il wireless stia seguendo lo stesso modello ha osservato Travis Larson, portavoce per Cellular Telephone and Internet Association. Secondo Jesse Perla, a capo delle tecnologie per MobileQ, la diffusione dei contenuti sta facendo fatica ad imporsi perché prima di utilizzare un portale personalizzato, lo si deve settare da un pc e questo frenerebbe molti utenti, soprattutto in Giappone e in Europa, dove il rapporto pc/cellulari è rispettivamente di 1 a 5 e di 1 a 2. Proprio a questo proposti, perla ha tenuto a precisare che con la prossima versione di MobileQ gli utenti potranno settare il portale direttamente dalla tastiera del cellulare.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore