Quali novità per la tv digitale terrestre?

Network

In un convegno gli interventi sul futuro della televisione dopo lera analogica

Giuseppe Richeri dellUniversità di Lugano ha tentato di tracciare il futuro della tv digitale terrestre in Italia in occasione del convegno Televisione digitale terrestre e piattaforme multimediali domestiche organizzato da Smau Comm. Molte le novità in campo moltiplicazione dei canali, interattività della tv, servizi Internet, riassetto del sistema televisivo, possono essere visti come vantaggi. Il docente però avverte che per sfruttarli al meglio, si dovrà lottare contro linerzia al cambiamento tipica in molte famiglie italiane e studiare una strategia economica adeguata. Richeri ha inoltre sottolineato come sarà fondamentale decidere se lintroduzione su larga scala della tv digitale possa essere lasciata ai broadcasters tradizionali o affidata a nuovi soggetti con canali a pagamento e tematici. Da parte sua, Guido Vannucchi, del Forum per la Società della Comunicazione, ha insistito sulla necessità di rendere laccesso alla nuova tv digitale aperto realmente a tutti i cittadini con la grande potenzialità di aprire unofferta estremamente specializzata di programmi locali. Già lonorevole Enrico Manca, presidente dellIsimm (Istituto per lo studio dellinnovazione nei media e nella multimedialità), nel corso del discorso introduttivo, aveva auspicato che la tv digitale terrestre sarà la televisione di tutti gli italiani che avranno la possibilità, senza abbonarsi alle offerte a pagamento, di accedere a decine di canali generalisti, tematici e locali.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore