Quantum e Adic, fusione ideale?

CloudServer

Coesistenza tra nastro e disco. In arrivo la quarta generazione Lto

Il tema è l’unificazione, o la coesistenza, di nastro e disco anche per Quantum. Nelle soluzioni di tape automation Quantum, reduce dall’acquisizione di Adic nella seconda metà dello scorso anno, occupa il primo posto con poco più del 30% del mercato, davanti a Sun-Storagetek e Overland. Il fatturato di Quantum, acquisite anche le soluzioni di backup, recovery e archiviazione di Adic, si posiziona attorno a 1,2 miliardi di dollari. In Italia, come spesso è avvenuto anche per altre fusioni, la guida dell’azienda è stata affidata al manager della società acquisita, Lorenzo Gasparello.

Quanto ai prodotti, Quantum ha ristrutturato la sua gamma di offerta attorno a quattro linee guida: tape automation per la fascia enterprise, backup su disco per la fascia media, archiviazione su larga scala e software specializzato di gestione e workflow. Nell’offerta spicca la nuova piattaforma Dxi, un’appliance su disco che punta sulle tecniche di deduplicazione dei dati. Per questa modalità emergente Quantum dispone ora di una tecnologia software chiave proveniente da Adic che permette di ottimizzare la deduplicazione a partire da blocchi di dati di dimensione variabile. Disponibili entro il trimestre in corso, le prime soluzioni di backup su disco di Quantum a incorporare questa tecnica di deduplicazione portano la sigla Dxi 3500 e 5500. Oltre a eliminare i dati ridondanti nelle fasi di backup e a ridurre il costo di mantenimento dei dati su disco per più tempo, la deduplicazione permette a Quantum di aggiungere ai suoi dispositivi la funzionalità di replica remota su base geografica dei dati di backup come metodo praticabile di disaster recovery tra siti distribuiti.

I dispositivi di storage su disco della serie Dxi forniscono una varietà di opzioni di capacità che vanno da 250 Gb a 11 Tb. In Quantum fanno notare che considerando un mix tipico di dati e di metodi di backup standard, questi dispositivi possono offrire fino a 210 Tb di capacità su disco impiegando un fattore di deduplicazione medio di 20:1. I Dxi possono essere presentati al software di backup come punti di montaggio Nas o come una Vtl con interconnessione Fc o iScsi. In entrambi i casi Quantum garantisce la compatibilità con i principali applicativi di backup.

L’arrivo nelle San e sui server di velocità di 4 Gbps consente il supporto di un backup su nastro da 800 Gb nativi. E’ questo il cuore delle nuove specifiche Lto 4, il formato per nastro di quarta generazione, che comprendono anche crittografia e velocità di trasferimento di 240 Mbps. E Quantum ha preannunciato a breve la consegna di nastri Lto di quarta generazione.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore