Qualche consiglio per il Ceo di Microsoft

AziendeDispositivi mobiliMarketingMercati e FinanzaMobilityWorkspace

La strategia di Microsoft nell’era Post-Pc di smartphone e tablet. Cosa potrebbe fare il Ceo Steve Ballmer per dare una svolta al colosso di Redmond

Non devono essere i giorni migliori di Steve Ballmer, dopo il sorpasso del fatturato da parte di Apple (anche se i profitti di Microsoft tuttora sono superiori a Apple), dopo il crollo di Internet Explorer sotto il 60% e dopo l’analisi di NPD sulla cannibalizzazione da parte di iPad dei Pc Windows di fascia bassa (il 13% degli utenti di iPad ha coprato il tablet con Apple iOS invece di un netbook con Windows). InformationWeek si è permessa di delineare la situazione, offrendo qualche suggerimento al Ceo di Microsoft: perché il sito è certo del fatto che Steve Ballmer, anche se non vuole lasciare il posto prima del 2018, non vorrà neanche essere l’ “ultimo Ceo di Microsoft” ma che lui desideri che la storia continui.

Aver staccato la spina a Windows Live Journal per consigliare il passaggio al rivale WordPress, significa che Microsoft, il numero uno del mercato software, non ha una banale piattaforma di blogging nel Web 2.0. Come una “azienda all’ultimo stadio” (secondo Paul McDougall di InformationWeek) Microsoft ha fatto causa a Motorola per brevetti e poi Ballmer si è ridotto il bonus per i mediocri risultati.

Nei mercati a grande crescita (mobile, ricerca o tablet) le risposte di Microsoft sono sulla difensiva: ai giovani che cercano “tool social, collaborativi, instantanei e always on“, il colosso di Redmond risponde con il solito mantra: Windows domina sul 90% del mercato Pc. Una risposta non sufficiente.

Dell’era Post-Pc (fatta di tablet, smartphone e perfino ibridi tablet-smartphone), Steve Ballmer sembra avere una vaga idea di cosa “sta succedendo là fuori”. Lo sa Microsoft che gli under 30 preferiscono far tutto con un telefono invece di accendere il Pc? Windows Phone 7 è ben fatto, ma arriva troppo tardi e potrebbe conquistare non più del 5% del mercato (basta vedere gli ultimi dati Canalys, in cui Android cresce di oltre il 1000%, iOS sorpassa Blackberry e Microsoft si acconte delle briciole).

Steve Ballmer vorrebbe lasciare il posto di Ceo verso il 2018. Ma a tutti sembra una data un po’ troppo lontana nel tempo se Microsoft vuole davvero cavalcare la nuova era Post-Pc, senza lasciare tutto il palcoscenico a Google, Apple e ad altri player. [Fonte: InformationWeek]

Leggi anche: Nell’era post-Pc i numeri della guerra fra Microsoft e Apple

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore