Quattro regole d’oro per rendere Internet sicura per i figli

SicurezzaSoluzioni per la sicurezza

ZoneAlarm insegna ai minori e ai genitori a navigare in Internet in sicurezza

Sono oltre 2 milioni e 500mila i bambini ed i ragazzi italiani tra i 3 e i 14 anni che usano il computer: il 3 6,2% lo utilizza per giocare e il 21,5% per studiare. Nella fascia di etàtra gli 11 e i 14 anni sono oltre 530mila i ragazzi che utilizzano Internet. Queste cifre fornite da ISTAT, sono in continuo aumento con una crescita, negli ultimi 5 anni, di oltre 13 punti percentuali, pari a circa il 150%, per quanto riguarda l’utilizzo del PC per motivi di studio. Insieme alle informazioni purtroppo il Web diffonde anche pericoli reali che sono costituiti da pornografia, pedofilia, furto di informazioni e dati sensibili, violenza e pubblicità. Ecco allora le quattro regole d’oro di ZoneAlarm, produttore diInternet Security Suite di ZoneAlarm e di ForceField (in beta), per rendere Internet sicura per i figli. Prima regola: non dialogare con sconosciuti: educare i propri figli a non intrattenere conversazioni in chat con sconosciuti o rispondere a instant message di indirizzi non conosciuti o verificati a priori. Seconda regola: informare i propri figli dell’esistenza di truffe e email con scopi fraudolenti. No, non hanno vinto la lotteria; no, il loro conto corrente non è in pericolo e nemmeno quello di qualsiasi altro componente della famiglia. Assicurarsi che i bambini sappiano di non dover mai compilare moduli ricevuti via email o accessibili tramite link presenti nei siti. Terza regola, la prevenzione: dare ai figli precise indicazioni sui siti che possono visitare in Internet. Predisporre regole chiare rispetto ai siti Web che potrebbero contenere materiale adatto ad un pubblico adulto e se si hanno figli piccoli, identificare questo genere di siti preventivamente. La prevenzione è la chiave per evitare che i propri figli cadano nella rete degli squali del Web. Quarta regola: avvisare i figli di cancellare immediatamente email e messaggi di mittenti sconosciuti e di non aprire gli allegati. Questo è il metodo più semplice utilizzato dai criminali della rete per infettare i PC con virus, worm e programmi spyware. Insieme a queste quattro regole d’oro per una navigazione consapevole è indispensabile prevedere una protezione sicura per il proprio personal computer.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore