Quattro Stati contro lo standard Iso Open Xml

Aziende

Brasile, India, Sud Africa e Venezuela si oppongono al formato di Microsoft Office Open Xml, già standard Iso

Nel corso delle votazioni e del processo di standardizzazione Iso, si erano verificati malumori contro il voto favorevole ottenuto dal formato di Microsoft Office Open Xml.

Adesso Brasile, India, Sud Africa e Venezuela si appellano formalmente contro il voto positivo ottenuto da Microsoft in marzo nel processo di ratificazione.

Ancora non si sa su cosa si baserà questa opposizione formale, anche se in molti denunciarono la fretta all’epoca del voto. Lo riporta Reuters .

A Microsoft importa la standardizzazione Iso per vincere più contratti in ambito govermativo (e-government). L’adozione di OOXML come standard Iso ora

dovràaspettare l’appello, che impiegherà vari mesi. OOXML per esempio non è ancora transformabile nell’altro standard Iso rivale, l’open source Open Document Format.

Microsoft ha però affermato che Office Sp2 supporterà Odf e Pdf .

Iso e International Electrotechnical Commission a fine mese prenderanno una decisione sugli appelli alla standardizzazione.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore