Quiz – Conoscete la storia dei domini e quelli più strani?

MarketingNetwork
Arriva il dominio .SRL per il BtoB
0 2 Non ci sono commenti

La caccia ai 700 nuovi domini è iniziata. Ma conoscete la storia dei domini e quelli più curiosi? Mettetevi alla prova con il nostro Quiz

La storia di Internet è piena di aneddoti curiosi. Agli albori del Web italiano, l’imprenditore Niki Grauso aveva acquistato i domini Internet dei personaggi più famosi: una compravendita in massa di domini coi nomi di politici, giornalisti e magistrati. Divenne famosa in quegli anni l’espressione anglosassone cybersquatting, così come domain grabbing e domain squatting, che indica la pratica, in auge a fine anni ’90, di accaparramento di nomi di dominio corrispondenti a marchi altrui e a nomi di personaggi famosi al fine di realizzare un lucro sul trasferimento del dominio a chi ne sia interessato.

Successivamente, diventarono interessanti i domini di alcune nazionalità, perché il .me, .ly (in inglese indica un avverbio), il .to potevano essere usati associati ad alcuni brand. Ogni Paese si vantava di quanti .it o .eu venissero venduti. La commissaria UE Neelie Kroes di Digital Agenda nel 2011, festeggiando i primi cinque anni di suffisso .ue, si complimentava per il fatto che .eu fosse più popolare “tra le Pmi che vogliono guadagnare migliore visibilità in un mercato unico europeo”. Nel 2010 si contavano già 2 milioni di domini .it.

L’ Icann ha confermato l’ approvazione di oltre cento estensioni che si affiancano alle 22 finora in uso, ma hanno avuto scarso successo .xxx per il porno e il .mobi per il Mobile. L’Internet Corporation for Assigned Names e Numbers (ICANN) ha dichiarato di aver approvato 107 richieste sulle 1.930 ricevute negli ultimi due anni. L’ampliamento dei domini potrebbe arrivare a superare la cifra dei 1.400 suffissi.

Quiz: conoscete la storia dei domini?
Quiz: conoscete la storia dei domini?

Adesso sono sulla rampa di lancio le estensioni con i nomi di aziende e municipalità. Un broker inglese si è già aggiudicato il suffisso .roma, mentre stanno per arrivare i domini generici con .pizza, .book o .app, .hotel o .news o .shopping. La caccia ai 700 nuovi domini è iniziata: per le aziende i nuovi domini di primo livello generici (gTLD) rappresentano un nuovo modo per affermare un brand importante. Vedremo .windows, .google. .facebook, .amazon, .skype, .xbox, .microsoft e .apple? Nella moda non mancheranno il .gucci o il .cavalli, immaginiamo con un po’ di fantasia.

Conoscete la storia dei domini e quelli più curiosi? Mettetevi alla prova con il nostro Quiz.

 

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore