Radio digitale, dal 2017 la Norvegia dà l’addio alla radio FM e passa al Dab

Autorità e normativeNormativa
Radio digitale, dal 2017 la Norvegia dà l'addio alla radio FM e passa al Dab
1 2 Non ci sono commenti

Dal 2017 la Norvegia sarà il primo Paese al mondo a passare al Digital audio broadcasting (Dab), spegnendo il segnale della radio analalogica FM. Lo scenario in Italia

Il Paese scandinavo ha deciso lo switch off della radio analogica: dal 2017 la Norvegia dà l’addio alla radio FM, per passare al Digital audio broadcasting (Dab). Fra due anni, verrà dunque spento il segnale FM per adottare lo standard della radio digitale.

Radio digitale, dal 2017 la Norvegia dà l'addio alla radio FM e passa al Dab
Radio digitale, dal 2017 la Norvegia dà l’addio alla radio FM e passa al Dab

Il sistema digitale è migliore e più accurato rispetto all’FM, inoltre la tecnologia Dab renderà pulito e nitido il suono quando si ascolta la radio in movimento, impedendo di perdere la frequenza nel corso di un tragitto lungo. Le interferenze sono rare o azzerate. La ricerca della stazione avviene in automatico, in base alla posizione del ricevente.

Altri vantaggi del Digital audio broadcasting, sono: la possibilità di trasmettere immagini (del conduttore del programma o della copertina del disco) per chi ascolta la radio su dispositivi con display, ma anche informazioni sul traffico; l’Alto Adige, in collaborazione con la Protezione civile, informa sui casi di emergenza.

Nell’arco degli ultimi due anni, sono stati venduti in Italia 250mila apparecchi compatibili con la radio Dab o Dab + (adottato come standard dall’Italia).

Quasi 35 milioni di italiani – pari a due terzi della popolazione – ascoltano la radio, secondo uno studio di GfK. Il 60% degli ascolti avviene outdoor e in movimento.

Ma soltanto il 65% della popolazione italiana riceve la radio digitale – l’Alto Adige è una felice eccezione che vanta il 98% di copertura – contro la totalità degli svizzeri, inglesi e norvegesi: secondo Digitalradio.it, Centro e Sud non sono raggiunti ancora dal Dab, tanto che l’Italia non ha potuto ancora fissare una data per lo “switch off” del sistema FM.
Ciò però non significa che il ritardo italiano sia un ostacolo insormontabile: Club Dab Italia punta a raggiungere il 75% della popolazione italiana in due anni, con i privati più rapidi della Rai nell’adozione dello standard. La radio digitale, insomma, sta arrivando anche nel nostro Paese.
Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore