Radware fa il suo ingresso in Microsoft SecureIT Alliance

Aziende

Il fornitore entra a far parte della community di aziende che sviluppano soluzioni di sicurezza in ambiente Microsoft

Radware, provider di soluzioni intelligenti integrate di application delivery, ha annunciato l’ingresso nella Microsoft SecureIT Alliance, un consorzio di provider professionali che sviluppano soluzioni avanzate di sicurezza integrabili nella piattaforma Microsoft. In qualità di socio, Radware opererà in collaborazione con altri provider per creare soluzioni best-of-breed in grado di potenziare gli standard di sicurezza degli utenti Microsoft e di offrire protezione globale in un ambiente esposto a continue minacce. Recentemente Radware ha introdotto la versione 3.0 del software DefensePro dedicato alla famiglia di switch appliances per la prevenzione integrata delle intrusioni e degli attacchi DoS. Il software incorpora le tecnologie di VSecure Technologies, recentemente acquisita da Radware, ed è una soluzione che offre una protezione proattiva, capace di ‘imparare’ a difendersi dagli attacchi: DefensePro 3.0 reagisce automaticamente mitigando in tempo reale gli effetti di malware, worms, attacchi DoS, DDoS e SYN grazie ad un sistema di protezione basato su una serie di ‘comportamenti’ che misurano e attuano analisi approfondite dei flussi di informazioni tipiche di un traffico IP dinamico. Radware inoltre ha siglato un accordo con la società tedesca BetandWin.com Interactive Entertainment AG , il provider europeo di giochi e prodotti da intrattenimento online. BetandWin ha scelto le soluzioni di application delivery di Radware per assicurarsi flessibilità e scalabilità applicate a una vasta gamma di giochi, dalle scommesse sportive ai giochi di casinò. Anche l’Agenzia delle Nazioni Unite World Meteorological Organization ha

scelto Radware per garantire alla sua rete estesa accessi permanenti a tutte le applicazioni condivise. L’Application Switching di Radware è infine il motore che fa funzionare l’infrastruttura web per oltre 450.000 matricole inglesi.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore