Rapporto Assinform 2010: la gelata dell’IT non è finita

AziendeMarketingMercati e FinanzaWorkspace

Dopo l’anno duro dell’IT nel 2009, il 2010 non promette la riscossa: secondo le anticipazioni del nuovo Rapporto Assinform, nel 2010 il calo sarà ancora pesante, del 3,1% per l’IT. Calma piatta per le Tlc. Nel 2009 la perdita complessiva del mercato ICT è stata del 4,2%.

Mentre il Pil italiano sprofondava nel 2009 a -5% (mentre Cina e India volavano, rispettivamente, dell’8,7% e del 7,2% e gli Usa calavano del -2,4%), il mercato mondiale dell’Ict scendeva dell’1,5% a quota 2,968 miliardi di euro (contro la precedente crescita del 4,4%).

Il 2009 va, dunque, archiviato secondo il Rapporto Assinform 2010 non solo come un anno di recessione e di gelo per l’Ict ma, secondo Capitani, Amministratore Delegato di NetConsulting, come “il peggiore degli ultimi cinquanta anni” . Anche le vendite mondiali di cellulari sono calate del 3,5%, mentre in controtendenza sono risultati tre mercati, sempre a livello globale: la telefonia mobile (salita da 3,98 del 2008 a 4,58 miliardi di utenti nel 2009),  il mercato degli utenti Internet (in crescita da 1,55 a 1,8 miliardi di utenti), il mercato della banda larga (in ascesa da 414 a 462 milioni).

Ancora una volta è cresciuto – e questo è il dato allarmante –  il gap tra l’Italia e il resto del mondo: complessivamente il mercato nazionale dell’ICT è calato del 4,2% scendendo a un valore di 61.771 milioni di euro, contro un calo dell’1,5% a livello mondiale: l‘IT italiana è calata dell’8,1%, le TLC del 2,3%. E Angelucci, Presidente Assinform, sottolinea con gravità questo punto: “L’Italia ancora una volta soffre di tassi di sviluppo disallineati da quelli degli altri Paesi europei. Quando l’Europa cresce, il Paese cresce meno degli altri e, quando la crescita è negativa ne risente di più, in questo comparto”. Ancora più incisivo Capitani quando entra nel dettaglio del panorama delle telecomunicazioni: “Sono venuti a mancare, nel nostro Paese, tre pilastri fondamentali: la telefonia mobile – per la prima volta nel nostro paese con un segno negativo (-1,5%) ; il segmento consumer – con un calo che si spiega con le continue rinegoziazioni tariffarie; le perdite significative non solo dei servizi nella parte fissa, ma anche in quella mobile.

E mentre da noi l’IT ha registrato un crollo dell’8,1%, in Europa il calo è stato forte ma più contenuto (-5,4%). La caduta verticale dell’IT italiana è tra le peggiori al mondo, superata solo dal Giappone a -8,7% e dalla Spagna a -9.1%. Capitani evidenzia come “l’IT italiano nel 2009 ha perso peso significativamente anche rispetto al PIL, un fenomeno che non si registrava dal 2004”.

Paolo Angelucci, assinform
Paolo Angelucci, Presidente Assinform

Nel mercato IT, nel biennio 2007-2009, la doccia fredda è stata subìta dall’hardware a -14,8% (4,87 miliardi di euro). Seguono i servizi in calo del 6,5% (8,75 miliardi di euro). In declino del 3,6% è il software (4,30 miliardi di euro). In flessione del 5% è l’assistenza (755 milioni di euro).

Vediamo gli andamenti in ogni segmento di mercato.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore