Rapporto Clusit: il cyber crimine ha un impatto negativo per 9 miliardi di euro

MalwareSicurezza
Rapporto Clusit: il cyber crimine ha un impatto negativo per 9 miliardi di euro
1 12 Non ci sono commenti

Il Rapporto Clusit ha calcolato che il cyber crimine danneggia l’economia per 9 miliardi di euro ed è in aumento a doppia cifra. Aumentano i cyber attacchi contro cloud, infrastrutture critiche e sanità

Il cyber crimine è responsabile del 66% degli incidenti informatici denunciati nella prima metà di quest’anno. La crescita è del 6% dal dicembre 2014. Rispetto al 36% del 2011, è un vero e proprio boom. Il Rapporto Clusit ha calcolato che il cyber crimine danneggia l’economia per 9 miliardi di euro ed è in aumento a doppia cifra del 30%.

Rapporto Clusit: il cyber crimine ha un impatto negativo per 9 miliardi di euro
Rapporto Clusit: il cyber crimine ha un impatto negativo per 9 miliardi di euro

Nel mirino del cyber-crime sono le infrastrutture critiche: dai 2 attacchi registrati nella seconda metà del 2014 si è passati a 20 da gennaio a giugno 2015. Si sono decuplicati in un settore, che rappresenta appena il 4% tra i settori più attaccati, ma l’aumento allarma.

Ma a preoccupare sono anche i settori dell’Automotive, dove gli attacchi mettono a segno incrementi a tripla cifra (+400%), Gdo (+ 400%), Tlc (+ 125%) e il settore di “informazione ed entertainment”. Siti e testate online, piattaforme di gaming e di blog hanno visto un aumento del 179%. Nell’arco del primo semestre del 2015, sono raddoppiati gli attacchi alla sanità, in crescita dell’81%. Il cloudha registrato un incremento di oltre il 50%.

Il rapporto Clusit 2015 è stato presentato a Verona al #securitysummit, con la collaborazione di collaborazione di player pubblici e privati, fra i quali spiccano Polizia Postale e delle Comunicazioni e quelli del Nucleo Speciale Frodi Tecnologiche della Guardia di Finanza, oltre a studi di IBM e Akamai.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore