Rapporto Federcomin: la ripresa punta sulla convergenza

Workspace

Fase di stasi nel mercato dell’Ict. Ma il rilancio potrebbe essere alle porte

Il Rapporto Federcomin (intitolato Rapporto Occupazione 2006) fotografa un mercato Ict statico, dove una fetta pari all’11% delle imprese del settore è in crisi. Più ombre che luci sono state fotografate dall’associazione Federcomin che ha redatto il rapporto, con la partecipazione delle associate AITech-Assinform e Asstel. Il Rapporto Federcomin esprime un cauto ottimismo. L’attuale stasi potrebbe essere infatti il trampolino di lancio per una nuova fase di crescita che, da qui al 2010, condurrebbe a un incremento dell’occupazione al ritmo del 3% annuo. Entro il 2010, serviranno oltre 20 mila nuovi addetti nell’Information and Communication Technology italiana. Nel nostro Ict però l’occupazione,tra il 2001 e il 2004, è diminuita di 22 mila unità. Il presidente di Federcomin, Alberto Tripi ha commentato: “La situazione del settore Ict è sostanzialmente statica. Negli ultimi due anni sembra essersi esaurita la spinta all’innovazione, ma molti segnali fanno capire che siamo alla vigilia di una fase importante che ha nella convergenza digitale il suo propellente. Le conseguenze di questo processo si vedranno tra 3-5 anni e saranno profonde”

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore