Il vendor di Raspberry Pi acquistato dalla svizzera Datwyler

AcquisizioniAziende
Il vendor di Raspberry Pi acquistato dalla svizzera Datwyler
0 1 Non ci sono commenti

Finisce un’era per Premier Farnell, azienda di elettronica fondata a Leeds nel 1939, il produttore di Raspberry Pi. A comprarla è l’elvetica Datwyler

Il vendor di Raspberry Pi è stato acquisito dalla svizzera Datwyler per 615 milioni di sterline. Finisce un’era per Premier Farnell, azienda di elettronica fondata a Leeds nel 1939, che sbagliò a riportare il 100% della manifattura nel Regno Unito. Quando la domanda toccò i 700 pezzi da 20 sterline al secondo, ma Raspberry Pi non riusciva a stare al passo con gli ordini. Problemi di supply chain e slittaenti hanno portato alla cessione.

Il board di Premier Farnell ha annunciato oggi di aver raggiunto un accordo con il board di Datwyler Holding Inc” spiega una nota pubblicata sul sito.

Il vendor di Raspberry Pi acquistato dalla svizzera Datwyler
Il vendor di Raspberry Pi acquistato dalla svizzera Datwyler

Premier Farnell ha annunciato un profit warning a luglio 2015 e cacciato CEO Laurence B ilain. Escluso Raspberry Pi, l’azienda continuava a registrare un lento, ma continuo, declino nelle vendite.

Il CEO Jos Opdeweegh ha dichiarato che il titolo ha guadagnato il 51% dall’annuncio della cessione.

Raspberry Pi ha lanciato l’anno scorso Zero, il form factor più piccolo della famiglia Raspberry Pi: è lungo 65 mm per 30 mm di larghezza, costa a partire da 5 dollari. Il dispositivo è basato sullo stesso system-on-a-chip Broadcom BCM2835 dell’originale Raspberry Pi, ma ora la frequenza di clock è stata alzata a 1GHz, con 512MB di memoria.

Raspberry Pi Customisation Service è un servizio che offrirà aiuto alle Pmi nel design e nella produzione di versioni personalizzate di Raspberry Pi. Raspberry Pi aiuta le startup a portare i dispositivi sul mercato. Element 14 di Premier Farnell offre hardware design basati su Raspberry Pi, il popolare single board computer: con questa mossa, si imprime una spinta alle startup che sviluppano soluzioni per Internet of Things (IoT) ed altre applicazioni embedded.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore