Reato di link?

Autorità e normativeNormativa

La Polizia Postale, su indicazione dell’Autorità per le garanzie nelle
Comunicazioni, ha avviato un’indagine per presunti atti di pirateria ai danni
della Presidenza del Consiglio

ROMA – La Polizia Postale, su indicazione dell’Autorità per le garanzie nelle Comunicazioni, ha avviato un’indagine per presunti atti di pirateria ai danni della Presidenza del Consiglio. La decisione è stata presa per evitare che la biografia del presidente Silvio Berlusconi possa comparire quando tramite il motore di ricerca Google si effettuano le ricerche che hanno come parola chiave i termini ?miserabile?, ?buffone? e ?fallimento? e si sceglie la modalità ?Mi sento fortunato?. L’anomalia non è da imputare a Google o a misteriosi hacker, quanto alla tecnica di ?link bombing” adottata, per motivi goliardici o commerciali, da molti siti.Questa tecnica consiste nell’associare nelle pagine di un sito alcuni termini a un link:in questo caso la parola ?fallimento? alla pagina Web della biografia dell’ex-premier pubblicata nel sito della Presidenza del Consiglio.Se l’operazione viene ripetuta molte volte il collegamento stesso risale le classifiche del ranking di Google e diviene il risultato automatico di ogni ricerca effettuata con il metodo ?Mi sento fortunato?. La vittima più famosa di questa tecnica è sicuramente il presidente americano George Bush, la cui biografia è da tempo raggiungibile tramite Google digitando la parola ?failure? (ossia ?fallimento?). Lascia perplessi il fatto che l’Authority non sia conoscenza di meccanismi così banali e risaputi, al punto da evocare ?atti di pirateria?e scomodare la Polizia Postale.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore