Red Hat apre una filiale a Pechino

Aziende

Con il supporto dei partner, Red Hat apre l’ufficio di Pechino con l’obiettivo di gestire meglio la crescita del mercato Linux e del software open source in Cina

Con la nascita di questa nuova filiale, Red Hat aiuterà il mercato cinese a conoscere meglio il software e la filosofia open source. Collaborando con partner come HP, IBM, Intel e Oracle, l’obiettivo di Red Hat è quello di fornire al popolo cinese un software completo ed economico. Una delle prime iniziative di Red Hat sarà quella di supportare la formazione di Linux e dell’open source rendendo gratuito Red Hat Academy, il noto programma formativo che ha l’obiettivo di permettere agli studenti di diventare esperti di Linux. Red Hat sta lavorando in collaborazione con Tsinghua University e Nanjing University per realizzare questa iniziativa. Con il programma di formazione, Red Hat non solo spera di formare gli studenti sui fondamentali dell’open source, ma anche di ispirarne sviluppi e imprenditorialità. Red Hat collaborerà con partner come BEA, Dell, HP, IBM, Intel e Oracle, così come con business partner cinesi, per soddisfare le esigenze del mercato cinese. Grazie a queste partnership strategiche, Red Hat fornirà ai clienti tutte le soluzioni necessarie per realizzare la migliore architettura open source possibile. Unanime la soddisfazione dei partner per l’iniziativa di Red Hat che di fatto aumenterà le possibilità di penetrazione in un mercato che si è fatto particolarmente attento alle novità tecnologiche. “Questo è un passo importante per Red Hat Asia Pacific. Il mercato offre ricche opportunità, come rivela il supporto che abbiamo ricevuto dal governo e dalle aziende cinesi”, ha dichiarato Steve McWhirter, vice presidente di Red Hat Asia Pacific. “Collaborando con i nostri partner forniremo alla Cina soluzioni di alto livello a costi contenuti”.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore