Respinta la causa di Rambus contro Micron

Workspace

Il Tribunale di Monza respinge laccusa di violazione del copyright sulla produzione dei memory chips

Il Tribunale di Monza ha respinto listanza promossa da Rambus contro Micron Technology, accusata di aver infranto le leggi sul copyright nella produzione di chip dellultima generazione. La causa si riferiva ai chip con accesso dinamico alla memoria SDRAM realizzati da Micron, sui quali Rambus aveva ravvisato una violazione del copyright della sua tecnologia. Micron non aveva mai rivelato quanto avrebbe potuto perdere se la produzione fosse stata fermata, ma i danni sono facilmente immaginabili se si considera che la produzione costa mediamente milioni di dollari al giorno. David Mooring, presidente di Rambus, ha ribadito che in ogni caso la causa non si ferma qui Non abbiamo ancora pronto alcun comunicato ufficiale. In ogni caso presenteremo appello. La società ha registrato i chip che lavorano sui processori Pentium 4 e sostiene che la patente non si estenda solo ai Rambus DRAM, ma anche a tutti gli altri tipi di memory chips. Rambus aveva già chiamato in giudizio Micron negli Stati Uniti, per la violazione del copyright sulla SDRAMdouble rate e sulla DDR o memory chips. La società, per gli stessi motivi, ha aperto delle cause anche contro la coreana Hynix Semiconductor e la tedesca Infineon Technologies.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore