Rete d’avanguardia al Pirellone

Aziende

Il Cefriel ha realizzato un’infrastruttura di rete all’avanguardia, Gigabit Ethernet a 1 Gbps combinata con rete Wi-Fi, per il palazzo simbolo di Milano

Il grattacielo Pirelli rappresentava, quando venne inaugurato nel 1960, una delle realizzazioni architettoniche più d’avanguardia e la ristrutturazione, effettuata in seguito ai gravi danneggiamenti subiti dopo l’incidente aereo del 18 aprile 2002, ha mantenuto integra la linea che ne ha fatto uno degli edifici simbolo della città di Milano, ma ha adeguato l’edificio alle più avanzate soluzioni in campo tecnologico. Il rifacimento dell’infrastruttura di rete è stato commissionato dalla Regione Lombardia al Cefriel e la Regione Lombardia sarà tra i primi Enti della Pubblica Amministrazione a dotarsi di una rete locale con prestazioni 10 volte superiori rispetto a quanto offerto dalla stragrande maggioranza delle Lan a oggi installate. La necessità di ricablare completamente il grattacielo permetterà infatti di implementare una rete Gigabit Ethernet (1000Base-T) con una capacità fino a 1 Gbps. La nuova Lan sarà basata su un cablaggio verticale in fibra ottica che consente di raggiungere una velocità di trasmissione di 10 Gbps, mentre il cablaggio orizzontale su ciascun piano prevede l’utilizzo di doppini Stp (Screened Twisted Pair) “categoria 6”, lo standard pubblicato dal Tia (Telecommunications Industry Association) nel giugno 2002, che garantisce valori di attenuazione inferiori rispetto ai cavi della categoria precedente (5e). Verranno così integrati, oltre alla tradizionale trasmissioni di dati, i servizi di telefonia, anche servizi multimediali (videotelefonia, videoconferenza, segnali televisivi, ecc.). Ma la nuova rete avrà anche una parte wireless (in tecnologia Wi-Fi), in modo che gli utenti della Regione Lombardia possano accedere alla rete dati locale e a Internet tramite un collegamento radio. “Siamo particolarmente orgogliosi di aver potuto mettere le competenze del Cefriel, sviluppate in 15 anni di esperienza, a disposizione di un progetto tanto importante. Nei piani della Regione Lombardia, infatti, c’era l’obiettivo non solo di restituire alla città di Milano e alla Regione un edificio completamente ripristinato dal punto di vista strutturale e architettonico, ma anche di dotare il grattacielo di una infrastruttura Ict avanzata e pronta a recepire gli sviluppi tecnologici degli anni a venire”, ha dichiarato Alfonso Fuggetta, Direttore Scientifico del Cefriel.

Autore: ITespresso
Clicca per leggere la biografia dell'autore  Clicca per nascondere la biografia dell'autore